Coronavirus: nessun nuovo caso, ma una donna di 60 anni è morta dopo essere risultata positiva

I 1.340 tamponi analizzati nelle ultime 24 ore sono risultati tutti negativi. Cresce ulteriormente il numero dei guariti

Nessun nuovo caso di Coronavirus registrato oggi in Abruzzo, su 1.340 tamponi analizzati nel laboratorio di riferimento regionale di Pescara, nell'istituto zooprofilattico di Teramo, all'università di Chieti e nel laboratorio dell'ospedale dell'Aquila. Resta dunque stabile a 3.266 il numero dei casi dall'inizio dell'emergenza. 

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 550, con una diminuzione di 17 unità rispetto a ieri.

In diminuzione il numero delle persone ricoverate, ma un paziente in più rispetto a ieri è in terapia intensiva. In particolare, 83 (-8 rispetto a ieri) sono in terapia non intensiva, 5 in terapia intensiva. Gli altri 462 (-10 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Si registrano però due nuovi decessi, una 60enne di Lanciano e una 84enne di Montesilvano. I morti sono in tutto 453 in Abruzzo. 

Attualmente, sono 2.263 i guariti (+15 rispetto a ieri), di cui 117 che da sintomatici con manifestazioni cliniche associate al Covid 19, sono diventati asintomatici e 2146 che hanno cioè risolto i sintomi dell'infezione e sono risultati negativi in due test consecutivi.

Dall'inizio dell'emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 86.082 test, di cui 80.148 sono risultati negativi.

La differenza tra il numero dei test eseguiti e gli esiti è legato al fatto che più test vengono effettuati sullo stesso paziente. Nel totale viene considerato anche il numero degli esami presi in carico e tuttora in corso.

Del totale dei casi positivi, 246 si riferiscono alla Asl Avezzano-Sulmona-L'Aquila, 825 alla Asl Lanciano-Vasto-Chieti, 1.533 alla Asl di Pescara e 662 alla Asl di Teramo.

Il dato riguarda la presa in carico dei pazienti e non coincide necessariamente con la loro residenza anagrafica, in quanto ci sono pazienti residenti in una provincia che sono in cura in una diversa Asl provinciale. Inoltre, per ragioni cliniche, ci sono pazienti che sono stati trasferiti da un ospedale all'altro, anche in presidi di Asl differenti.

Lo comunica il servizio Prevenzione e Tutela della Salute dell'assessorato regionale alla Sanità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venticinquenne si ribalta con la Bmw a Chieti: miracolosamente illeso

  • Presentata la nuova giunta comunale a Chieti: Rispoli al lavori pubblici, Pantalone al commercio

  • Interruzioni idriche a Chieti e provincia dal 20 al 27 ottobre: il calendario completo

  • Coronavirus a Chieti: 2 casi positivi e 7 persone in isolamento

  • Capodanno in autogrill a Brecciarola: l’evento diventa virale anche in Abruzzo

  • Schianto mortale sulla Statale 16: perde la vita una ragazza di 17 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento