menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus: attivate le prime tre Usca per curare i casi meno gravi

Si parte dalla prossima settimana a Orsogna, San Vito Chietino e Vasto. Poi apriranno le sedi di Chieti, Francavilla al Mare, Atessa e Gissi

Sono operative le prime tre Unità speciali di continuità assistenziale (Usca) per la cura a domicilio dei pazienti affetti da Covid-19 che non hanno bisogno di essere ricoverati in ospedale.

Sono tre le sedi finora individuate dalla Asl Lanciano Vasto Chieti, una per ciascuna area distrettuale: per quella di Chieti nei locali del distretto sanitario di Orsogna, per l’area di Lanciano nell’ex sede della guardia medica a San Vito Chietino e per Vasto nella medicina turistica a San Salvo Marina. L’organico iniziale è di 15 medici di continuità assistenziale, destinato a essere incrementato, con l’affiancamento di professionisti infermieri. 

Subito dopo partiranno anche le altre quattro Usca con sede a Chieti, Francavilla al Mare, Atessa e Gissi. Il servizio, operativo dalla prossima settimana, sarà garantito tutti i giorni, dalle ore 8 alle 20. È già cominciata la formazione dei medici ed è in corso la dotazione di strumenti e attrezzature.

La Asl adempie a quanto previsto nell’ordinanza n. 11 con la quale il presidente della giunta regionale d’Abruzzo ha istituito le Usca.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento