Coronavirus: l'Abruzzo ha uno degli indici di contagio più bassi d'Italia, ma non bisogna abbassare la guardia

La crescita dei contagi nella nostra regione è più contenuta e supera la media nazionale anche il numero dei tamponi sul totale della popolazione

L'indice di diffusione del contagio (Rt) del Covid 19, in Abruzzo, è pari a 1,4, il terzo miglior risultato in Italia. La media nazionale, infatti, si attesta a 1,7 e alcune regioni superano la soglia di 2. Anche l’indice di occupazione dei posti letto di terapia intensiva ogni 100.000 abitanti – pari a 2,07, pone l’Abruzzo al di sopra di 15 regioni: solo Molise, Puglia, Calabria, Trento e Basilicata mostrano un indice più basso. 

In merito ai tamponi effettuati sul totale della popolazione residente, l'Abruzzo è al nono posto, al di sopra della media nazionale. Negli ultimi sette giorni, da venerdì 23 al 30 ottobre, l’incremento dei casi positivi totali in Italia è stato del 74%, mentre nella nostra regione del 64% (10 punti percentuali in meno), segno che la crescita è più contenuta.

Numeri elaborati sulla base dei dati diffusi dai vari istituti competenti, tra tutti il ministero della Salute e l’Istituto superiore di sanità che, però, come invita anche il presidente della Regione Marco Marsilio, non devono far abbassare la guardia.

Sono tutti indicatori che mostrano una Regione capace di intercettare precocemente i contagiati - afferma Marsilio - riducendo i casi gravi che necessitano di cure ad alta intensità e circoscrivendo i focolai attivi. Tuttavia, se i dati ‘relativi’ e il confronto con la media nazionale ci possono in alcuni casi persino inorgoglire, non è il caso di indugiarvi troppo sopra o, peggio, rilassarci". 

"Perché i numeri ‘assoluti’ sono comunque alti e preoccupanti - aggiunge - soprattutto nelle zone più colpite come l’aquilano, la marsica, il teramano. E, se non si ridurranno nel brevissimo tempo, arriveremo presto alla saturazione dei posti letto disponibili nei reparti di malattie infettive. Con la conseguenza di dover utilizzare altri reparti, interrompendo le cure di patologie non urgenti e differibili".

Proprio per questo il presidente della Regione ha firmato un'ordinanza che dispone alle aziende sanitarie di reperire altri posti letto nelle cliniche private accreditate per curare i malati stabilizzati di Covid, che non necessitano di terapie intensive o sub-intensive.

"Vogliamo così tentare di evitare - spiega - di dover rimandare le cure per tanti malati, che pur non avendo il Covid hanno tutto il diritto di essere curati tempestivamente. O, almeno, stiamo lavorando per allontanare nel tempo il momento in cui potremmo essere costretti a fare quella scelta. Nel frattempo, proseguono senza sosta le attività per completare il potenziamento della rete Covid, con decine di nuovi posti letto di bassa, media e alta intensità di cura in tutte le Asl, un’attività che abbiamo potuto riprendere solo 3 settimane fa, quando finalmente il commissario di governo ci ha conferito la delega per eseguire i lavori. In queste tre settimane, abbiamo già espletato tutte le procedure di affidamento delle progettazioni e dei servizi tecnici, e per diversi lavori sono già pubblicate le gare d’appalto, che andranno avanti con tempi strettissimi. Sceglieremo le imprese che garantiranno il minor tempo di esecuzione dei lavori, quelle imprese capaci di organizzare i cantieri su più turni, a ciclo continuo o quasi".

Il presidente, in occasione della festa di Ognissanti e della commemorazione dei defunti, su richiesta dei sindaci ha firmato un'ordinanza per disciplinare l’afflusso nei cimiteri e permettere di onorare queste ricorrenze nella massima sicurezza possibile. Allo stesso modo, ha disposto il divieto di organizzare feste, sia pubbliche che private, per celebrare Halloween.

"Per raggiungere l’obiettivo di vincere questa terribile sfida che la pandemia ci ha messo di fronte - conclude - serve la collaborazione di tutti, a cominciare dai piccoli comportamenti quotidiani di prudenza e corretta profilassi. Sono sicuro che gli abruzzesi continueranno a farlo, perché certi risultati sono anche e soprattutto il frutto della serietà e della determinazione che la nostra gente esprime da sempre nelle situazioni più difficili". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

  • VIDEO - "Cambio moglie" fa tappa a Lanciano: i circensi Ferrandino protagonisti con i parrucchieri Sorrentino

Torna su
ChietiToday è in caricamento