rotate-mobile
Attualità

Un consiglio comunale straordinario sull'alta velocità, da Chieti l'invito a Rfi: "Confronto costruttivo per conoscere il progetto"

Alla seduta parteciperanno i sindaci dei comuni interessati, gli amministratori regionali e i parlamentari per discutere del contestato raddoppio della ferrovia Pescara-Roma

Dopo l'invito di ieri, l'amministrazione comunale teatina passa ai fatti, prende in mano la situazione e organizza un consiglio comunale straordinario aperto "a tutte le rappresentanze istituzionali interessate" sul raddoppio della ferrovia Pescara-Roma. Alla seduta parteciperanno i sindaci di San Giovanni Teatino, Manoppello, Alanno e Scafa e rispettivi consiglieri comunali, i rappresentanti dell’esecutivo regionale e i consiglieri regionali dell’area Chieti-Pescara e i parlamentari abruzzesi, referenti per i territori coinvolti dal progetto.

In più stamani è partito un invito, firmato dal sindaco Diego Ferrara e dal presidente del consiglio comunale Luigi Febo, a Rete Ferroviaria Italiana, ai vertici di Ferrovie dello Stato italiane e al commissario straordinario per l'alta velocità, Vincenzo Macello. La seduta è convocata per lunedì 31 gennaio, alle ore 10, all'auditorium Cianfarani, in via Pianell.

“In relazione alle specifiche fasi progettuali dei lotti dell’intervento di ‘Velocizzazione della linea ferroviaria Pescara-Roma’ - si legge nella missiva - riteniamo necessario comprendere tutte le caratteristiche del progetto e, contestualmente, rappresentare i diversi interessi delle nostre collettività locali, tese a consentire una migliore utilità dell’opera, valutando l’incidenza delle azioni di progetto e sul paesaggio e sulle componenti ambientali”. 

Scopo dell’incontro del 31 gennaio e dell’invito ai vertici di Ferrovie è conoscere “gli elaborati in modo ampio e complessivo, affinché siano così comprese tutte le caratteristiche del progetto e, contestualmente, rappresentati i diversi interessi delle nostre collettività locali”. 

Ferrara e Febo, manifestando quanto sta accadendo nei vari comuni interessati dal tracciato ferroviario per l’alta velocità, con la formazione di comitati cittadini spontanei, chiedono ai destinatari dell’invito di “di alimentare il confronto in maniera costruttiva, vista la sua importanza, vista la collaborazione istituzionale che essa richiede e i tempi imposti dall’utilizzo delle risorse che la renderanno possibile” e auspicano un “incontro operativo e proficuo, che consenta di confrontarci sugli obiettivi dell’intervento, sulle esigenze della comunità e sulle iniziative da portare avanti per rappresentare tali esigenze negli elaborati progettuali da attuare”.

“Abbiamo voluto promuovere un incontro ampio nel contesto istituzionale più appropriato  - spiegano il sindaco Ferrara e il presidente Febo -perché il consiglio comunale è la voce della comunità e assicura un confronto democratico e trasparente che un tema di tale importanza richiede. Abbiamo voluto aprire le porte della città anche agli altri Comuni interessati dal progetto, con i quali è iniziata la condivisione di un percorso per trovare alternative percorribili ai tratti più impattanti sui rispettivi territori e coinvolgere i parlamentari, che siamo certi sapranno rappresentare al meglio la voce delle istituzioni nei luoghi decisionali. Scopo della seduta è avere cognizione delle specifiche fasi progettuali dei vari lotti dell’intervento e, contestualmente, rappresentare i diversi interessi delle nostre collettività locali, tese a consentire una migliore utilità dell’opera, valutando l’incidenza delle azioni di progetto sia sul paesaggio, sia sulle componenti ambientali".

Gli amministratori teatini tornano a chiarire di non voler contrastare l'opera, fondamentale per tutta la Regione ma, chiariscono, "va conosciuta nel suo insieme e va contemperata alle istanze dei territori dove è iniziato un percorso di confronto sulle varie fasi e lotti progettuali, mirato ad arrivare alla migliore definizione degli interventi. Per questo ci siamo resi interpreti di un più ampio confronto sull’opera, con l’auspicio che ciò possa consentire anche la sua migliore realizzazione. Siamo fiduciosi di avere a breve una risposta positiva da Rfi, che cercheremo da subito al fine di procedere all’organizzazione dell’incontro, perché Chieti possa così esercitare le funzioni naturali di capoluogo di provincia di riferimento e agevolare non solo il confronto fra comunità ed esecutori, ma la ricerca di alternative e soluzioni per gli aspetti più complessi del progetto”. 

Intanto, prosegue il fermento dei cittadini contrari al progetto così com'è stato ideato. I residenti di Brecciarola e Manoppello hanno creato il Comitato intercomunale sulla velocizzazione della linea Pescara-Roma, presieduto da Gianni Di Labio, che sta organizzando una raccolta firme per chiedere un percorso alternativo del tracciato. Inoltre, il comitato è in cerca di tecnici che possano aiutare a presentare le osservazioni al progetto.

Il primo impegno ufficiale è fissato per lunedì, alle ore 18, al ristorante pizzeria Amadeus, dove si terrà un incontro sull'alta velocità, a cui parteciperanno i sindaci dei comuni interessati e l'assessore regionale Nicola Campitelli.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un consiglio comunale straordinario sull'alta velocità, da Chieti l'invito a Rfi: "Confronto costruttivo per conoscere il progetto"

ChietiToday è in caricamento