rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Attualità

Chieti ricorda con la famiglia di Dino Di Michelangelo la tragedia di Rigopiano: "Un dolore che si rinnova ogni anno" [FOTO]

La cerimonia istituzione si è tenuta nei pressi del monumento dedicato di via d’Aragona nella mattinata di giovedì 18 gennaio

La città di Chieti, a distanza di 7 anni dalla tragedia dell'hotel Rigopiano di Farindola, ha ricordato le sue vittime.
E l'ha fatto con la famiglia di Dino Di Michelangelo al monumento dedicato di via D'Aragona.

Una cerimonia istituzionale, come sempre partecipata non solo dai colleghi del poliziotto scomparso con la moglie sotto le macerie del resort, ma anche da autorità e giovani, perché di quei fatti e di quelle 29 storie interrotte è importante e necessario coltivare la memoria.

«Un abbraccio che rinnoviamo alla mamma Loredana Lazzari e al fratello Alessandro Di Michelangelo, confermando la presenza delle istituzioni al loro fianco sempre, in attesa di una sentenza che renda veramente giustizia per le vite perse sette anni fa in quella tragedia», dice il sindaco Diego Ferrara, presente con gli assessori Alberta Giannini, Chiara Zappalorto, Manuel Pantalone e Massimo Cassarino e con i consiglieri Valerio Giannini e Silvia Di Pasquale, in rappresentanza anche della Provincia.

«Una memoria dolorosa che si rinnova», afferma Alessandro Di Michelangelo, «per noi è importante celebrare questo anniversario, continuare a parlare di Dino, delle altre vittime, perché ci fa forza e perché serve a tutti noi la forza di chiedere sentenze giuste sui fatti. Noi dobbiamo coltivare il ricordo di Dino, perché la sua scomparsa diventi per la comunità di cui era parte un momento di riflessione e per il nostro territorio un monito e perché mai più aree mamme, padri, figli, fratelli e sorelle vivano ciò che viviamo noi dai 7 anni».

Commemorazione tragedia hotel Rigopiano 18 gennaio 2024

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chieti ricorda con la famiglia di Dino Di Michelangelo la tragedia di Rigopiano: "Un dolore che si rinnova ogni anno" [FOTO]

ChietiToday è in caricamento