menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bando famiglie e commercio: si può presentare domanda per i buoni d'acquisto nei negozi chiusi durante il lockdown

Riaperti anche i termini di partecipazione per i commercianti, che hanno ancora qualche giorno per aderire

Al via la seconda fase dell'avviso “Famiglie e commercio”, l'iniziativa degli assessorati all'Innovazione sociale e al Commercio per sostenere i cittadini in difficoltà a causa del lockdown. 

Da lunedì (1° febbraio) e fino a domenica 28, le famiglie potranno fare richiesta dei buoni d’acquisto spendibili nei negozi cittadini. Inoltre, sono stati riaperti i termini per la partecipazione dei commercianti, che possono presentare la propria adesione fino a lunedì 8 febbraio, in modo da consentire una più ampia partecipazione e differenziazione delle merci acquistabili attraverso i buoni.

“L’avviso – spiegano gli assessori a Innovazione Sociale e Commercio, Mara Maretti e Manuel Pantalone – è nato per sostenere la nostra comunità e la nostra economia colpite dalla pandemia. Prevede infatti l'erogazione di buoni spesa a sostegno sia delle micro-attività economiche della città, penalizzate dallo stop imposto dall’emergenza sanitaria, da cui abbiamo aperto le adesioni, sia delle famiglie che vivono temporanee difficoltà, che potranno fare richiesta fino al 28 febbraio".

"Alla piattaforma si potrà accedere attraverso l’app Smart.Pa, che renderà agevole anche l’erogazione dei buoni di acquisto. Al momento - aggiungono - abbiamo già una lista di attività commerciali che hanno risposto al bando, rendendosi disponibili a ricevere in pagamento buoni per l’acquisto di prodotti di qualsiasi natura, con esclusione di armi e munizioni, attività di scommesse e gioco e attività di Compro oro. La nostra intenzione è rendere il più inclusiva possibile l’iniziativa: infatti, proprio al fine di allargare la partecipazione degli esercenti, abbiamo riaperto per due volte i termini, spostandoli fino all’8 febbraio, in modo che possano aggiungersi anche altre attività commerciali della città che in un primo momento non avevano risposto".

"Le famiglie, invece, potranno fare domanda fino alla fine di questo mese, in modo da poter passare immediatamente dopo all’erogazione dei buoni e, dunque, alla spesa che avverrà nei negozi cittadini. Stiamo facendo tutto il possibile per fare arrivare alla popolazione e al comparto economico tutto il sostegno possibile, un’azione che svolgiamo insieme alle associazioni di categoria che non hanno fatto mancare il loro supporto all'amministrazione, perché i provvedimenti siano efficaci e capillari e raggiungano più persone, sia che si tratti di famiglie che di categorie economiche”, concludono gli assessori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento