menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Clinica Neurologica Universitaria di Chieti conquista le prime pagine del mondo

E' uscito un articolo su una delle più importanti riviste scientifiche del mondo

Esce in questi giorni, infatti, sulla rivista Neurology, la più letta e citata tra le riviste di Neurologia, l’editoriale del direttore della Clinica Neurologica dell’università “d’Annunzio”, professor Marco Onofrj, dal titolo: “GABA and Hallucinations In Parkinson Disease: who is that sitting on my chair” (Neurology 2018;91:1-2.doi:10.1212). 

La Neurology, com’è noto, per i propri editoriali individua sempre i maggiori esperti mondiali su vari argomenti da trattare. L’editoriale del professor Onofrj discute sui meccanismi e sulle possibili terapie delle allucinazioni che compaiono nella malattia di Parkinson e in altre malattie. 

“L’invito degli editori della rivista - commenta il professor Onofrj - costituisce il riconoscimento internazionale di anni di complessi e raffinati studi sperimentali e concettuali, iniziati con pubblicazioni della Clinica neurologica già negli anni novanta”. 

In questo stesso mese il Journal of Neurology Neurosurgery and Psychiatry, (il famoso “Green Journal” di Neurologia), la terza rivista di neurologia nella graduatoria internazionale, dedica l’editoriale del numero di giugno, curato dal prof. Mark Halett, direttore del National Institute  of Neurogical Disorders and Stroke - Bethesda (USA) - agli studi del prof. Onofrj sui disordini Funzionali/Psicogeni nelle malattie neurodegenerative (JNNP 2018;89:557).

“L’identificazione e comprensione di questi disturbi - spiega il professore - ha richiesto analisi epidemiologiche e statistiche estremamente complesse, proposte nel 2010 dalla Clinica Neurologica di Chieti e confermate e verificate tra il 2013 e il 2018 da istituti prestigiosi di Neurologia in Inghilterra e negli Stati Uniti. I due editoriali costituiscono uno straordinario riconoscimento internazionale della capacità innovativa in ambito clinico di una Istituzione universitaria puramente italiana, che ha identificato e definito gli aspetti clinici poco noti, producendo nuove teorie e ricerche in totale autonomia, sottoponendole con successo al giudizio severo delle maggiori istituzioni cliniche internazionali. Questi successi internazionali – conclude Onofrj - dimostrano che i nuovi concetti clinici che nascono nella nostra Università trovano apprezzamento e stima ai massimi livelli scientifici mondiali”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento