rotate-mobile
Attualità Lanciano

Cresce l'attività della Chirurgia generale al "Renzetti", tanti interventi su due patologie diverse in un’unica seduta operatoria

In particolare sono stati raggiunti 50 casi di calcolosi colecisto-coledocica in meno di due anni, trattati con un solo intervento combinato, laparoscopico ed endoscopico, noto come tecnica “rendez-vous”

Cresce l'attività della Chirurgia generale nell’ospedale di Lanciano. Mille interventi l’anno, più di metà dei quali in chirurgia mininvasiva laparoscopica, di cui oltre 250 colecistectomie, in particolare sono stati raggiunti 50 casi di calcolosi colecisto-coledocica in meno di due anni, trattati con un solo intervento combinato, laparoscopico ed endoscopico, noto come tecnica “rendez-vous”. 

I pazienti, come evidenzia la Asl in una nota, non devono più in pratica sottoporsi a due interventi distinti di Ercp(colangio-pancreatografia endoscopica retrograda) e colecistectomia, ma possono affrontare le due patologie in un’unica seduta operatoria.

La Chirurgia generale del “Floraspe Renzetti”, diretta da Vincenzo Casolino, e l'Endoscopia digestiva chirurgica, diretta negli ospedali di Ortona Lanciano e Atessa da Maria Marino, da due anni infatti cooperano nel trattamento dei pazienti affetti calcolosi della colecisti e della via biliare e hanno maturato un’esperienza tale da raggiungere numeri di rilievo che pongono l’ospedale di Lanciano tra i centri a più alto volume di attività.

"L’intervento combinato per il trattamento della calcolosi della colecisti e della via biliare è una modalità che garantisce notevoli vantaggi per il paziente – spiegano Casolino e Marino – in quanto i tempi di degenza risultano ridotti, il paziente è sottoposto a una singola procedura anestesiologica-chirurgica e le complicanze post-operatorie sono significativamente ridotte. Da una parte questa nuova e più stretta collaborazione tra le due équipe offre agli utenti un trattamento sicuro e innovativo della calcolosi complicata della via biliare; dall’altra ha consentito di aumentare il numero dei pazienti trattati per malattie tumorali gastro-intestinali. In particolare, il paziente con diagnosi di neoplasia del colon o dello stomaco individuato dagli specialisti gastroenterologi negli ospedali di Lanciano e Atessa viene direttamente incluso nel percorso Gico (Gruppo interdisciplinare cure oncologiche) per il trattamento chirurgico oncologico più adatto e rapido possibile, nel rispetto delle linee guida internazionali".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cresce l'attività della Chirurgia generale al "Renzetti", tanti interventi su due patologie diverse in un’unica seduta operatoria

ChietiToday è in caricamento