menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiesa di San Francesco, lavori in ritardo: comitato cittadino chiede il fascicolo al Mibact

Una richiesta inoltrata al Segretariato Regionale per l’Abruzzo. "Il perché dell’iniziativa trova ragione nello sconforto e nella forte preoccupazione di cittadini e associazioni culturali" spiega Perrotti

La splendida chiesa di San Francesco d’Assisi all’inizio del corso Marrucino di Chieti è stata danneggiata dal sisma del 6 aprile 2009 ma i lavori di restauro e consolidamento  sono ancora ben lontani dall’essere portati a termine.

Il Comitato cittadino per la salvaguardia e il rilancio di Chieti ha inoltrato  una richiesta  di accesso civico generalizzato al Segretariato Regionale per l’Abruzzo del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo per prendere visione del fascicolo relativo all’andamento dei lavori, richiamandosi al decreto legislativo n. 97 del 2016 la cui finalità è quella di promuovere la partecipazione dei cittadini alla trasparenza dell’attività amministrativa.

L’iniziativa trova ragione

“nello sconforto e nella forte preoccupazione di cittadini e associazioni culturali di Chieti - si legge nel documento inviato al Segretariato regionale Mibact – per il perdurare di una situazione di stallo degli interventi a dodici anni dalla data del terremoto che ha arrecato danni all’Edificio di culto, per il cui recupero sarebbero stati stanziati da anni due milioni di euro con una delibera Cipe risalente al 2015. L’inerzia e il tempo che scorre arrecano peggioramenti alle condizioni statiche della chiesa e svalutano il denaro stanziato”. 

Una delle chiese più belle, chiusa da troppi anni

Preoccupazione e sconforto pienamente condivisibili dal momento che quella di San Francesco è fra le testimonianze più qualificanti della millenaria storia religiosa e artistica della regione. Già intitolata a S. Lorenzo Martire, venne dedicata al santo di Assisi nella prima metà del XIII secolo quando vi si insediarono i Frati Minori Conventuali. Iniziò ad assumere le attuali monumentali dimensioni nel XIV sec. mentre nel 1689 la zona absidale venne rafforzata per sorreggere la mastodontica cupola che ancor oggi domina il panorama della città.

Il coordinatore del comitato cittadino, Giampiero Perrotti, ricorda che

“già in passato i lavori nella chiesa erano statati sospesi ed era stato necessario ricorrere a interventi di somma urgenza per situazioni di pericolo sopravvenuti, nella lettera inviata al Segretariato Regionale del Mibact, il Comitato sottolinea che non si può ulteriormente attendere senza conoscere lo stato effettivo del procedimento e i motivi dei ritardi che all’opinione pubblica appaiono ormai incomprensibili”.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Amaretti abruzzesi: cosa sono e la ricetta per prepararli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento