Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Chieti "città aperta": consegnata la medaglia d'oro al merito civile

 

Ora è ufficiale. La città di Chieti ha ricevuto la medaglia d’oro al merito civile per le vicende relative agli anni fra il 1943 e il 1944, quando Chieti fu dichiarata “Città Aperta”, al pari di Atene, Belgrado, Bruxelles, Manila, Parigi, Roma, Firenze.

Nel corso della cerimonia istituzionale che si è tenuta al teatro Marrucino  il sindaco di Chieti, Umberto Di Primio ha ricevuto dal prefetto di Chieti, Antonio Corona, l’importante onorificenza che è stata apposta sul gonfalone della città. 

Il riconoscimento è arrivato a conclusione di una lungo iter avviato dopo la formale richiesta dell’amministrazione Di Primio, sulla "spinta" dell’ex consigliere comunale Enrico Bucci, che nel 2011 fece approvare in consiglio una mozione in merito. 

Secondo la ricostruzione storica, nel corso della Seconda guerra mondiale, i cittadini di Chieti accolsero migliaia di sfollati, tanto che la popolazione, da 30mila abitanti, raggiunse gli oltre 100mila all’indomani dell’armistizio. 

La Medaglia d’Oro al Merito Civile è stata consegnata al termine del convegno di carattere storico - celebrativo “Chieti Città Aperta – Una storia di straordinaria generosità”che visto tra i relatori Enrico Bucci, promotore della mozione in consiglio comunale ; il prorettore dell’Università d’Annunzio Stefano Trinchese, la professoressa di Storia Contemporanea dell’ateneo di Chieti Maria Teresa Giusti, curatrice della relazione storica inviata a corredo della documentazione alla presidenza della Repubblica, lo storico e giornalista Marco Patricelli, l’arcivescovo metropolita di Chieti-Vasto, monsignor Bruno Forte.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ChietiToday è in caricamento