rotate-mobile
Domenica, 29 Gennaio 2023
Attualità

Al centro di ascolto a Chieti scalo una giornata dedicata alla salute mentale

È stato indetto anche un contest attraverso i social network postando una foto o una frase che abbiano come tema la salute mentale, taggando su Facebook e Instagram il centro di ascolto Chieti

“Il dolore che non parla”. Questo il titollo della giornata organizzata dal centro di ascolto che si trova nel quartiere San Martino a Chieti scalo in via Borrelli 2, il 14 ottobre (18,30-20,30) in occasione della Giornata mondiale della salute mentale.

Gli ospiti dell’evento saranno accompagnati verso in una riflessione sui temi del disagio psichico e della sua relazione con l’arte da Marco Alessandrini, dirigente del Csm della Asl Chieti-Lanciano-Vasto. Le letture di testi a cura di Tullia di Nardo, attrice e regista, renderanno l’esperienza ancora più coinvolgente. 

È stato indetto anche un contest attraverso i social network postando una foto o una frase che abbiano come tema la salute mentale, taggando su Facebook e Instagram il Centro di ascolto Chieti.

“I più votati riceveranno dei buoni messi a disposizione dai nostri sponsor, Fuori Corso Lounge Bar e il centro estetico Beauty Time - spiega la responsabile del centro di ascolto, Francesca Di Sipio - questa iniziativa ha lo scopo di risvegliare l’atto creativo che è in noi e di sensibilizzare i più giovani ad occuparsi di tematiche così importanti.”

 Il Centro di Ascolto e Servizi Assistenziali è uno spazio che dal 2015 offre ai teatini e non supporto psicologico gratuito. Ad animarlo sono un’assistente sociale, la dott.ssa Beatrice Buzzelli e cinque psicologhe e psicoterapeute (Melania Di Nardo, Francesca Di Sipio, Daniela Trenta, Tatiana Trentalange e Laura Zappitelli).

“Quest’anno abbiamo deciso di celebrare la Giornata mondiale della salute mentale nei meravigliosi spazi di cui il nuovo complesso parrocchiale dispone – spiega don Sabatino - questo progetto di pastorale della carità in parrocchia è un modo professionale e concreto di essere vicino alle esigenze materiali e psicologiche delle persone. Abbiamo negli anni riscontrato come molto spesso la povertà materiale sia figlia di una povertà culturale e di situazioni di sofferenze e dolore familiare che faticano a trovare ascolto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al centro di ascolto a Chieti scalo una giornata dedicata alla salute mentale

ChietiToday è in caricamento