menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Lanciano si celebrano la memoria dei fatti del 1799 e lo storico frentano Omobono Bocache

La commemorazione si terrà venerdì nella sala della adiacente chiesa di Sant'Agostino, in via dei Frentani, e vi prenderanno parte numerose associazioni abruzzesi e italiane

Venerdì 12 aprile, Lanciano celebra il 220esimo anniversario dei fatti del 1799. Come spiega il professor Mario Salvitti, del Comitato promotore celebrazioni 220° anniversario dei fatti del 1799:

I complessi avvenimenti che accaddero a Lanciano nel 1799, sono stati minuziosamente narrati dallo storico, Abate Omobono Bocache, che ha vissuto in prima persona quei tragici momenti generati, anche sul territorio frentano, dal durissimo scontro fra i fautori della Repubblica Partenopea e le grandi masse popolari.

Quest’anno, ricorre il 220° anniversario di quegli eventi dolorosi e, in tale occasione, la città di Lanciano si appresta a ricordarne i protagonisti e ciò che essi hanno lasciato nelle mani della storia. Per celebrare adeguatamente tale significativa ricorrenza, si è deciso di preparare una toccante cerimonia al fine di riconoscere pubblicamente l’impegno di coloro che in Italia, negli anni trascorsi, si sono resi promotori di iniziative in merito ai fatti accaduti nel 1799.

Il programma della manifestazione sarà presentato domani, in conferenza stampa, dallo stesso Salvitti, con il sindaco Mario Pupillo e il presidente degli Amici di Lancianovecchia Raffaele Filippone. La commemorazione si terrà nella sala della adiacente chiesa di Sant'Agostino, in via dei Frentani, e vi prenderanno parte numerose associazioni abruzzesi e italiane. 

Venerdì, l'appuntamento è dalle ore 17. Quest'anno, inoltre, ricorre il 195esimo anniversario della morte di Omobono Bocache. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento