Carlo Acutis, lo sguardo prezioso

Carlo Acutis, un preciso messaggio per il mondo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Da giorni oramai le testate giornalistiche, le emittenti più popolari, tutte le reti dell’informazione sono impegnate nella diffusione, più decisa e capillare, della straordinaria storia e della splendida immagine di un giovane ragazzo milanese, deceduto improvvisamente qualche anno fa, ma già carico di esperienza spirituale che lo proietta fra le simbologie più delineate e più sensibili di questo momento storico per l’umanità: Carlo Acutis. Fase storica decisamente concitata quella che stiamo vivendo; se da una parte la resistenza al disfacimento del nostro modello sociale comincia a segnare qualche passo, con sintomi di stanchezza ed abbandono, dall’altra la ricerca di modelli alternativi fibrilla negli sterili conflitti fra progressismo e tradizionalismo. Se tutto dunque appare ormai corroborato ed impregnato dell’egolatria più silente e persuasiva, mai vissuta prima d’ora, ecco d’improvviso levarsi dal generale marasma sociale una figura nuova. Un bravo ragazzo, aperto e gioviale; uno sguardo sereno ma profondo e maturo; una parola semplice ma ordinata e sicura: Carlo Acutis, un monumento di straordinaria bellezza. Un riferimento dai caratteri inconfondibili per offrirci una garanzia nel momento più opportuno. Un simbolo autentico per esprime un messaggio confortante dunque, l’invito più prezioso per un mondo che soffre; un invito per gli stanchi e smarriti adulti, a quelli che si perdono nel vortice dei vizi, del potere e del denaro. Il beato Carlo Acutis: immagine chiara, metafora inconfondibile di un invito a riscoprire la giovialità ed i riferimenti puri dell’adolescenza, a rivivere il ricco mondo delle emozioni per riconquistare libertà, creatività e quella spiritualità pura per ambire alla vera bellezza, quella che gratifica davvero e tende all’Eterno. Nando Marinucci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento