rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Attualità

Carenza idrica allo Scalo, comitato chiede chiarimenti sui lavori: "Rischio estate come quella del 2021"

"Ad oggi – segnalano - continuiamo a non avere notizie sull’inizio dei lavori sull'acquedotto di Madonna della Vittoria che avrebbero dovuto risolvere le problematiche”

Gli abitanti di Chieti Scalo continuano a subire le conseguenze di una crisi idrica che si trascina da anni, privati in molti casi della fornitura idrica notturna con tutti i disagi che ne conseguono. Per questo un gruppo di cittadine è tornato a sollecitare l’Aca chiedendo informazioni relative ai lavori sull'acquedotto di Madonna della Vittoria. “Lavori – ricorda Elda Capriotti, una delle promotrici delle manifestazioni per l’acqua a Chieti - che sarebbero dovuti terminare a dicembre 2020 e che, per motivi non ancora del tutto chiari, sono slittati. Ad oggi sappiamo che è stata scelta la ditta appaltatrice, ma non ci sono notizie, o per lo meno risultano abbastanza confuse, sulla data di inizio”.

In una lettera indirizzata alla presidente Aca Brandelli, Elda Capriotti, Liliana Esposito e Assunta Ronca a nome di una parte della cittadinanza evidenziano che negli ultimi anni il servizio idrico “si è rivelato sempre più esoso, ma nella realtà non esiste. Nonostante pioggia e neve, le pressioni all’entrata dei condomini sono basse e non sufficienti a fornire i piani alti. Questo problema doveva essere risolto entro marzo 2022. La scadenza è alle porte, ma non abbiamo notizia dell’inizio lavori. Chiediamo cortesemente di fornirci delucidazioni in quanto è nostro diritto sia come utenti ma  soprattutto come contribuenti”.

Senza questi interventi, che a detta dell’Aca dovrebbero risolvere i disagi, il rischio che si ripeta un’altra estate a secco come le ultime due è dietro l'angolo.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carenza idrica allo Scalo, comitato chiede chiarimenti sui lavori: "Rischio estate come quella del 2021"

ChietiToday è in caricamento