rotate-mobile
Attualità

Il cammino della linea Gustav: il parco nazionale della Maiella chiama a raccolta i comuni coinvolti

L'incontro è in programma giovedì 28 marzo al centro visite di Lama dei Peligni

Il parco nazionale della Maiella chiama a raccolta i comuni abruzzesi coinvolti tra le tappe del cammino della linea Gustav: il progetto che si rivolge ad un target di turismo esperienziale e che intende ripercorrere i territori in cui fu costruita la fortificazione tedesca durante la seconda guerra mondiale. L'ente ha convocato un incontro per giovedì 28 marzo al centro visite di Lama dei Peligni con i comuni che rientrano, per ragioni storicogeografiche, tra le tappe incluse nel progetto.

Coinvolti in questa prima fase di sviluppo del cammino sono: Ateleta, Campo di Giove, Civitella Messer Raimondo, Fara San Martino, Gamberale, Guardiagrele, Lama dei Peligni, Lettopalena Montenerodomo, Palena, Palombaro, Pennapiedimonte, Pescocostanzo, Pizzoferrato, Rivisondoli, Roccaraso, Taranta Peligna.

Leggi le notizie di ChietiToday su Whatsapp

"L’appuntamento del 28 marzo - si legge in una nota del parco - sarà l’occasione di un confronto con i rappresentanti degli enti locali che potranno, in tale sede, esporre ogni eventuale esigenza e contribuire con le loro proposte a migliorare il progetto. Il cammino della linea Gustav, all’interno del parco, si estenderà lungo le pareti della Maiella Orientale fin oltre i Monti Pizzi, con un tracciato che farà parte di un percorso molto più lungo: circa 300 km che congiungeranno la costa Adriatica con la costa del mar Tirreno, da Ortona ad Anzio, passando per Cassino. In base al protocollo concluso con i Gal Costa dei Trabocchi e Maiella Verde l’itinerario assocerà percorsi ciclabili e pedonali garantendo più opzioni al visitatore e quindi una più ampia offerta turistica. La costa dei trabocchi si potrà così arricchire di un’importante espansione della ciclovia verso l’interno e alla scoperta del versante orientale del parco Maiella; i territori vicini alla montagna potranno godere di un nuovo acceso che saprà portare nuovo flussi turistici del tutto compatibili con le eccezionali risorse ambientali".

Accanto alla commemorazione dei luoghi in cui si è combattuta la seconda guerra mondiale, il percorso ha come obiettivo anche quello di dare nuova vita a quei territori, considerando che il parco (e Geoparco Unesco) è un punto di riferimento nel panorama internazionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il cammino della linea Gustav: il parco nazionale della Maiella chiama a raccolta i comuni coinvolti

ChietiToday è in caricamento