Attualità

Il 5 dicembre di 76 anni fa nasceva la Brigata Maiella: “Non volevamo cambiare il mondo ma solo vivere in pace”

Il 5 dicembre 1943, successivamente alla liberazione di Casoli da parte degli Alleati, 15 uomini stringono un patto d'onore. In poco tempo diventeranno 1500

La Brigata Maiella compie 76 anni. Il 5 dicembre 1943,  successivamente alla liberazione di Casoli da parte degli Alleati, il comandante Ettore Troilo parte da Torricella Peligna con un gruppo di 15 uomini per prendere contatti con il Comando Inglese, insediato presso il castello Masciantonio che svetta sul paese, per offrirsi come volontari per la Liberazione. Quei 15 uomini, la Brigata Maiella, in poco tempo ne diventano 1500. Numerose le richieste di arruolamento provenienti dalla popolazione abruzzese per quella che resta l'unica formazione partigiana ad essere decorata di medaglia d'oro al valore militare alla bandiera.

“I motorizzati a piè” furono la prima formazione partigiana ad ottenere la fiducia degli Alleati e tra le pochissime formazioni di patrioti di ispirazione repubblicana aggregate dopo la liberazione dei territori d'origine, assieme alla 28ª Brigata Garibaldi "Mario Gordini" ed alla Divisione Modena-Armando - fu la formazione combattente con il più lungo e ampio ciclo operativo, continuando a lottare risalendo la penisola sino alla liberazione delle Marche, dell'Emilia-Romagna e del Veneto. 

Sul bavero le stellette tricolori e sul braccio lo scudetto con il profilo bianco della Maiella, lo sfondo azzurro del cielo e le parole di Ettore Troilo: “Non volevamo cambiare il mondo ma solo vivere in pace”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 5 dicembre di 76 anni fa nasceva la Brigata Maiella: “Non volevamo cambiare il mondo ma solo vivere in pace”

ChietiToday è in caricamento