Attualità

50 bimbi autistici in lista d’attesa presi in carico grazie a una convenzione con San Stef.Ar e Paolo VI-Sant'Agostino

L'associazione Asperger Abruzzo: “La delibera del direttore generale della Asl 02 è stata firmata ed è immediatamente esecutiva”


Primo traguardo raggiunto per l'associazione Asperger Abruzzo che annuncia la presa in carico della Asl di 50 bambini autistici in lista d’attesa per le terapie.

La delibera 633 del 11/06/2021 del direttore generale della Asl 02 è stata firmata ed è immediatamente esecutiva.  Nella tarda mattinata di ieri Marie Helene Benedetti, presidente dell'associazione Asperger Abruzzo, e Felicia Fioravante, avvocato dell'associazione, hanno incontrato i dirigenti della Asl Lanciano Vasto Chieti, il direttore amministrativo Stroppa e i direttori Muraglia, Di Giannantonio e Bellisario. 

Gli oltre 50 bambini da tempo in lista d'attesa saranno presi in carico nei prossimi giorni in regime "ambulatoriale dedicato per l'autismo" grazie ad una convenzione che abilita le strutture San Stef.Ar e Paolo VI - Sant'Agostino di Chieti all'erogazione del tanto atteso setting specifico "ambulatoriale dedicato".

“La Asl 02 che purtroppo è sempre indietro rispetto alle altre Asl può vantare di essere stata la prima Asl d'Abruzzo a dare il via agli "Ambulatoriali Dedicati per l'Autismo" previsti nella dgr 360/2019”commenta la presidente Marie Helene Benedetti. 

Si mette quindi un freno per il momento ai dispendiosi ricorsi dei tribunali di tutta la provincia di Chieti.

“Questo non era l'unico obiettivo, - ricorda la presidente di Asperger Abruzzo - l’associazione  mira alla risoluzione dei problemi di questa Asl in merito alle diagnosi che devono essere precoci e agli interventi altrettanto urgenti e che non possono continuare ad attendere le disponibilità della Asl 02, né i tempi dei tribunali. È stato discusso con i direttori presenti che la nostra associazione mira alla risoluzione dei problemi delle diagnosi tardive e delle terapie urgenti con l'istituzione dell' Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile e dell'Adolescenza, un obbligo che questa Asl rimanda da troppo tempo e una necessità che permetterebbe alla stessa una presa in carico meno dispendiosa e più fruibile per i nostri figli. Siamo convinte che l'Unità Operativa potrebbe risolvere ogni problema prendendo in carico i bambini e gli adolescenti ad alto funzionamento, ed alleggerendo quindi  le richieste ormai diventate insostenibili da troppo tempo per la nostra Asl che al momento continua a delegare i centri privati convenzionati”.

Spiragli ce ne sono, come riferiscono ancora dall’associazione a margine dell’incontro. “Abbiamo potuto riscontrare l'approvazione  e la volontà dei direttori presenti, è stato approvato e compreso che erogare i fondi verso i centri privati non può che essere l'unica via da perseguire e ci è stato confermato che la Asl 02 ha già iniziato i lavori per l'Unità Operativa, hanno scelto la sede e sono iniziati i primi lavori di adeguamento della struttura che ospiterà la Neuropsichiatria della Asl Lanciano Vasto Chieti”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

50 bimbi autistici in lista d’attesa presi in carico grazie a una convenzione con San Stef.Ar e Paolo VI-Sant'Agostino

ChietiToday è in caricamento