Attualità

Riapertura della gara per la mensa scolastica, l'Anac dà ragione al Comune: "Procedura corretta"

Nel mirino di un'istanza erano finiti, oltre alla proroga dei termini del bando, il prezzo a base d'asta per ogni pasto e i costi per la sicurezza

L'assessore Raimondi

La riapertura dei termini della gara per la refezione scolastica a Chieti è regolare. Lo certifica il parere dell'Anac (Autorità nazionale anticorruzione) dello scorso 24 febbraio, dopo l'istanza presentata dalla ditta Ladisa. 

“La proroga tecnica era legittima, come lo è il bando che abbiamo promosso quando i disservizi sono diventati tali e tanti da non consentirci di continuare con l’attuale gestore, questo dice chiaramente l’Anac  nel parere richiesto", commenta l'assessore agli Affari Legali, Enrico Raimondi. 

L;a società Ladisa, nel dettaglio, aveva contestato il fatto che il prezzo a base d'asta per ogni pasto fosse di 5 euro, inferiore ai 5,5 euro del 2015, nonostante alcuni criteri di aggiudicazione della gara prevedessero l'impiego di prodotti biologici, locali e a filiera corta, dunque più onerosi. 

In secondo luogo, nell'istanza dell'attuale gestore veniva evidenziato come l'importo degli oneri per la sicurezza, fissato a 9 mila 875mila euro per tre anni, risultasse inferiore a quello del 2015, pari a 55mila euro per tre anni, nonostante gli attuali protocolli di sicurezza più rigidi, vista la situazione sanitaria. 

Ma l'Anac ha validato la linea intrapresa dal Comune 

Sono tre i punti in cui si articola la decisione emessa dall’Autorità. In primis, sottolinea che rientra nell’esercizio della discrezionalità tecnica propria della stazione appaltante, quindi il Comune, individuare una base d’asta congrua e tale da garantire la qualità delle prestazioni e non penalizzare alcuno dei possibili concorrenti.

"A maggior ragione - puntualizza Raimondi - a fronte dei disservizi legati proprio alla qualità del cibo servito ai bambini e al mancato rispetto di diete e regimi alimentari speciali peraltro chiaramente previsti dal capitolato".

In secondo luogo, l'Anac precisa che anche l’indicazione dei costi della sicurezza da interferenza è appannaggio della stazione appaltante.

"Ma il punto sostanziale che chiarisce il buon operato dell’amministrazione - sottolinea l'assessore agli Affari Legali - è quello inerente la riapertura dei termini da noi effettuata per il buon esito dell’appalto, definita dall’Anac non solo legittima e corretta a livello procedurale, ma anche relativamente all’evidenza, avendo avuto, da parte dell’ente, la medesima pubblicità degli atti di gara e richiesti dalla situazione".

"Il nostro compito - conclude Raimondi - era e resta quello di assicurare a una parte sensibile della nostra comunità, i bambini, un servizio di qualità, sicuro e rispondente anche, a condizioni speciali dal punto di vista alimentare, che non possono essere non valutate o trattate con la superficialità a cui abbiamo dovuto porre rimedio”.

Ancora nessuna risposta dall'Autorità, invece, sulla diffida presentata lo scorso gennaio, sempre per la stessa gara d'appalto: i ricorrenti lamentavano soprattutto l'impossibilità di ottemperare a tutti i requisiti previsti dal bando, per mancanza di tempo utile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riapertura della gara per la mensa scolastica, l'Anac dà ragione al Comune: "Procedura corretta"

ChietiToday è in caricamento