rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Attualità

"L'Arta diventa Agenzia regionale di tutela degli arrosticini?": l'amara ironia del Forum H2O

Polemica sul bando per la ricerca di esperti di turismo, ristorazione e nutrizione: "In Abruzzo ci sono quasi mille siti inquinati da bonificare, oltre a Bussi"

"L'Arta è diventata l'Agenzia regionale di tutela degli arrosticini?". È la provocazione del Forum H2O, che contesta l'avviso dell'agenzia per la ricerca di esperti di turismo, ristorazione e nutrizione.

"Quando abbiamo letto il comunicato dell'agenzia - dice il Forum - pensavamo a uno scherzo. Invece, l'ente intende veramente assumere 'sei esperti, rispettivamente in materia turistica e promozione territoriale, in storia e cultura locale, in nutrizione, in educazione motoria, in attività di ricezione turistico e alberghiera, e nel settore della ristorazione, con particolare riferimento a quella tradizionale regionale'. A questo punto viene spontaneo chiederci come mai manchi ogni riferimento alla musica, in primis 'lu ddù botte', e al salterello".

Secondo il Forum dell'acqua, dunque, l'Arta dovrebbe occuparsi di argomenti ben più importanti: "In Abruzzo - dice - ci sono, oltre a Bussi, 997 siti tra inquinati da bonificare o potenzialmente contaminati, da verificare. A questi si aggiungono centinaia di attività da seguire tra impianti industriali, siti a rischio di incidente rilevante, discariche. Senza parlare dei monitoraggi di depuratori, fiumi e acque sotterranee. In questi anni abbiamo letto delle difficoltà di Arta di poter provvedere a tutte queste incombenze. Nei giorni scorsi abbiamo anche avuto notizia di lamentele delle aziende circa l'attenzione data da Arta alle molteplici procedure di bonifica in atto, assai delicate e complesse visto che si tratta spesso di sostanze cancerogene in aree anche densamente abitate".

"A nostro avviso - conclude il Forum - tutta l'attenzione degli amministratori deve essere rivolta a potenziare l'Agenzia Regionale Tutela dell'Ambiente con quanti più chimici, biologi, esperti di emissioni, di impatto sanitario e ingegneri ambientali. Altrimenti ci chiediamo se si avvicina la trasformazione del nome dell'ente in Agenzia Regionale Tutela...dell'Arrosticino".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'Arta diventa Agenzia regionale di tutela degli arrosticini?": l'amara ironia del Forum H2O

ChietiToday è in caricamento