Estate 2020, acque pulite in Abruzzo: i prelievi dell'Arta hanno dato risultati eccellenti lungo tutta la costa

A maggio, l'Agenzia regionale per la tutela dell'ambiente ha analizzato campioni prelevati in 113 punti su tutta la costa

Le acque del mare abruzzese sono in buone condizioni e migliorate rispetto al 2019. È il dato che emerge dalle ultime analisi dell'Arta, comunicate dall'assessore regionale al Turismo, Mauro Febbo. 

A maggio, l'Agenzia regionale per la tutela dell'ambiente ha analizzato campioni prelevati in 113 punti su tutta la costa. Le uniche criticità, già rientrate nella norma dopo due giorni, sono state riscontrate in due punti. 

Nel mese di giugno, la campagna delle analisi ha processato finora i campioni prelevati nei comuni di Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto, Giulianova, Roseto, Pescara, Francavilla, Rocca San Giovanni, Fossacessia e Torino di Sangro.

"I risultati - spega Febbo - sono eccellenti. Siamo fiduciosi che saranno più che positivi anche sui restanti comuni della costa. Quindi ad oggi l'Abruzzo, con i suoi circa 130 chilometri di costa sul mare, insieme a quelli dei laghi di Scanno e Barrea, possono essere fruite per la balneazione, compresa tutta la costa pescarese, tra cui la zona antistante Via Galilei dove è stato rimosso il divieto di balneazione. Questo significa che la strada intrapresa sta portando i suoi frutti e, come già annunciato, questo Governo regionale continuerà a investire nei depuratori e soprattutto nel loro potenziamento e nella loro funzionalità". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

  • VIDEO - "Cambio moglie" fa tappa a Lanciano: i circensi Ferrandino protagonisti con i parrucchieri Sorrentino

  • Sospesi gli scavi in piazza San Giustino: ora servono finanziamenti per non rinunciare alla valorizzazione del sito

Torna su
ChietiToday è in caricamento