Venerdì, 22 Ottobre 2021
Attualità

Bus verso i centri commerciali, l'amministrazione: "Vorremmo intercettare quei flussi in modo che possano vivere la città intera"

Il Comune incontra le associazioni di categoria. Gli assessori Rispoli e Pantalone: “Comincia un percorso di condivisione a vantaggio della città”

L'amministrazione comunale incontra le associazioni di categoria in merito alla riorganizzazione del trasporto pubblico locale, varata dal consiglio comunale di due giorni fa.

Si è parlato della volontà della stessa di intercettare il vasto pubblico che frequenta i centri commerciali cittadini e della necessità, con il prolungamento delle linee urbane - molto criticato da più parti - di portare queste persone a vivere anche il resto della città.

Dall'incontro è maturata l'idea di istituire un tavolo permanente all’interno di quello del commercio, per seguire da vicino gli aspetti della riorganizzazione che riguardano gli ambiti commerciali. Alla riunione odierna con gli assessori a Mobilità e Commercio Stefano Rispoli e Manuel Pantalone erano presenti le responsabili di Confcommercio con Marisa Tiberio, Cna con Letizia Scastiglia, Confesercenti con Marina di Marco e Lilia Toschi e Confartigianato con Daniele Giangiulli.

"Abbiamo tempo per chiarire tutti i risvolti della nuova organizzazione della mobilità cittadina, anche quelli che interesseranno i poli commerciali di Megalò e Centauro e su cui ci preme costruire con le associazioni un percorso, affinché la città e il commercio cittadino possano avere benefici anche da tali tappe. Oggi - hanno detto gli assessori Pantalone e Rispoli -  il traffico verso i centri commerciali è funzionale, nel senso che è sostenuto dalle realtà stesse e gratuito alla cittadinanza. Siamo consapevoli che si tratti di un’utenza particolare, dedicata e, soprattutto, ben diversa da quella del resto del comparto commerciale della città, ma vogliamo provare a intercettare quei flussi, in modo che possano vivere la città intera e non solo il centro commerciale che ricade nel suo perimetro. Per questo abbiamo voluto creare la possibilità che chi fa tappa in quelle realtà, abbia l’occasione di frequentare anche il resto del nostro territorio, attraverso un mezzo pubblico frequentato da tutti e fruibile con un biglietto che consente a tutti di girare sull’intera rete. Continuare ad escludere tali realtà dal contesto cittadino, com’è accaduto sin d’ora, ha contribuito a dare ad esse vita propria e indipendente dalla realtà urbana, con scompensi anche per il comparto commerciale e non solo quello".

L'amministrazione si dice convinta che, invertendo questa tendenza, tutto il territorio di Chieti, incluse le realtà commerciali e culturali come musei e teatri, potrà godere dei vantaggi legati all'integrazione di quei flussi in quelli in entrata in città. "Vogliamo costruire un percorso utile e chiaro e farlo insieme alle associazioni, procedendo in base alle indicazioni che arriveranno tramite il confronto con le categorie, affinché i grandi poli commerciali non siano più autoreferenziali, ma possano anche sostenere la città, come non è accaduto fino ad oggi” hanno concluso Rispoli e Pantalone.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bus verso i centri commerciali, l'amministrazione: "Vorremmo intercettare quei flussi in modo che possano vivere la città intera"

ChietiToday è in caricamento