Martedì, 15 Giugno 2021
Attualità

Asili nido di Chieti, i sindacati in disaccordo con le scelte del Comune: "No alle privatizzazioni"

Le sigle sindacali Cgil, Cisl, Uil e Usb tornano inoltre tornano a chiedere un incontro all'amministrazione comunale sulla situazione di Chieti Solidale

Le sigle sindacali Cgil, Cisl, Uil e Usb contro la decisione da parte del amministrazione Ferrara di affidare la gestione del nuovo asilo di via Masci a una società privata. 

Relativamente agli ennesimi articoli di stampa apparsi in questi giorni riferiti nuovamente alle scelte che l'Amministrazione Comunale si accinge a compiere e che hanno nuovamente associato il taglio della spesa agli asili nido comunali ( o quel che resta di essi) continuiamo a chiedere di riflettere su alcune questioni. E' evidente che, l'azione amministrativa portata avanti negli ultimi anni, purtroppo è stata caratterizzata da una totale disattenzione verso questo servizio; la discontinuità rispetto al recente passato, deve e può considerare questo servizio non come un peso finanziario oneroso ma come un investimento sul futuro del servizio integrato 0-6.

Sulla situazione della partecipata comunale Chieti Solidale i sindacati fanno sapere che nei giorni scorsi, restando sempre in attesa di una convocazione da parte dell'amministrazione comunale, si è tenuto un incontro con la direzione della Chieti Solidale. Le parti hanno continuato un importante lavoro finalizzato alla ottimizzazione e uniformazione dei servizi in termini organizzativi per poter mettere sempre più in condizione gli operatori di rispondere con celerità e qualità alla erogazione dei servizi per gli utenti. Purtroppo l'attesa di una convocazione che entri nel merito delle scelte che il Comune di Chieti intende compiere sul futuro di Chieti Solidale, oltre a creare apprensione tra i lavoratori, non ci mette in condizione di affrontare altri importanti tematiche da discutere in sede sindacale.  Tant'è che il PNRR ( Missione 4) destina 30,88 miliardi di euro su questa tematica; la Direttiva Europea per l'Infanzia và nella medesima direzione. Inoltre, il tema " asili nido" , deve assolutamente far riflettere e trovare adeguate soluzioni concrete anche sull'importantissimo tema della Parità di Genere che non può prescindere dalle scelte che si andranno a compiere, con ripercussioni sia in termini sociali che economici. 
Anche il documento di programmazione regionale affronta tutte queste tematiche, in aggiunta anche a quanto indicato nel Decreto 65 della Buona Scuola. Quindi una progettualità che potrebbe diventare un volano, con il coinvolgimento degli Istituti comprensivi per la realizzazione di una rete territoriale dei servizi educativi di qualità".

Infine la richiesta al Comune di Chieti. "Consapevoli che un piano di riequilibrio, stante la situazione economica dell'Ente sia necessario, auspichiamo fortemente che non si proceda alla privatizzazione degli asili ma, in attesa della certezza sull'utilizzo delle risorse sopra richiamate, si considerino le competenze della Chieti Solidale, in quanto partecipata. Governare le scelte politiche in questo senso vorrebbe dire, comunque rispondere ad una richiesta delle famiglie di poter accedere al servizio e non andare nuovamente a colpire un servizio importante e fondamentale per la città. L'attenzione registrata sul sociale dalla amministrazione, anche in termini di discussioni avviate e scelte da compiere su medesime tematiche, ci fa ben sperare rispetto ad un ripensamento sulla questione asili nido propedeutico anche, a tutta la discussione nazionale sulla rinnovata centralità per tutto quello che attiene lo 0-6. Pertanto, sempre in attesa della predetta convocazione, riteniamo che prima di intraprendere passi concreti verso l'esternalizzazione degli asili nido l'amministrazione comunale deve sentirsi impegnata ad aprire una interlocuzione sia con la dirigenza della Chieti Solidale che con le organizzazioni sindacali". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asili nido di Chieti, i sindacati in disaccordo con le scelte del Comune: "No alle privatizzazioni"

ChietiToday è in caricamento