Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli arrosticini d’Abruzzo conquistano New York: un italoamericano apre il chiosco

Golosissimo video del travel blogger Piero Armenti (Il mio viaggio a New York) che conferma il successo dell’arrosticino d’Abruzzo anche tra i grattacieli di Manhattan

 

Gli arrosticini a New York: un sogno che diventa realtà per tanti abruzzesi oltreoceano e per chi, come il travel blogger Piero Armenti, salernitano, fondatore dell’agenzia “Il mio viaggio a New York” non riesce a resistere ai tradizionali spiedini di pecora.

E’ un video dello stesso, pubblicato sull’omonima fanpage su Facebook, a presentare il chiosco della catena d’Abruzzo- abruzzese street food di Bryant Park, fondato da Tommaso Conte, italoamericano originario di Caramanico Terme. Il chiosco, che prepara tante altre specialità abruzzesi come le pizzelle o, durante il periodo natalizio, i caggionetti, oltre a Manhattan è presente a Brookln e a Williamsburg.

E se il sapore degli arrosticini, a detta di chi li ha provati, non ha nulla da invidiare a quello delle trattorie abruzzesi, il costo per una porzione dello street food d’Abruzzo per eccellenza è decisamente più elevato: 23 dollari per dieci pezzi, circa venti euro, ovvero due euro ad arrosticino. Ma alla gola non si comanda, soprattutto se ci si trova oltreoceano. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
ChietiToday è in caricamento