rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Animali

La storia di Jaco, il bull terrier dal passato difficile che sogna di rinascere

Jaco ha un carattere vivace con un passato di episodi di forti tensioni

Si chiama Jaco, ma è stato ribattezzato Musone. Ha 4 anni ed è un bull terrier proveniente da un allevamento dei Paesi dell’Est. Bello di razza ma strappato troppo presto alle cure della sua mamma, Jaco non ha punti fermi ed è privo di una reale educazione. Così come è stato privato dall’affetto e dall’amore di una famiglia amorevole.

Giunto in Italia, è stato scelto da una famiglia, acquistato come merce, ma mai diventato un membro reale e integrante del nucleo familiare. Affidato alle cure di una dog sitter, è stato tenuto isolato.

Jaco ha un carattere vivace con un passato di episodi di forti tensioni. Rinchiuso in un kennel, arriva il giorno in cui la famiglia adottiva sceglie di disfarsene. Così da Milano arriva in Abruzzo, ma Jaco non conosce la vita esterna, l’affetto e trova consolazione in un kong.

Affidato alle cure delle volontarie del canile di Francavilla, Jaco mostra comunque tutte le sue fragilità e crepe emotive, che generano comportamenti di aggressione. Per questo motivo, la famiglia che l’ha adottato recentemente, l’ha riportato indietro.

Jaco ha bisogno di aiuto, di persone attente che con dedizione e amore lo salvino e possano supportarlo. Così come hanno fatto e stanno facendo alcuni volontari, come Erika e Mauro.

Al momento si trova su un terreno, libero di scorrazzare e sostenuto h24, ma a breve dovrà essere spostato in canile, quindi deve trovare una sua stabilità.

Da un mese ha iniziato un percorso con la somministrazione di CBG e CBD che lo stanno aiutando ad abbassare la sua soglia di reattività, seguito naturalmente da una professionista.

I volontari continueranno a supportare Jaco, per trovare maggiore stabilità e valutare una struttura idonea a lui che possa ospitarlo per un'eventuale adozione futura.

Nel frattempo lanciano un appello per aiutare Jaco: condividere la sua storia, partecipare alla mostra fotografica Bibò (a breve la data) le cui donazioni saranno devolute a Jaco, aiutare con una donazione i volontari che si stanno occupando di lui, per sostenere spese e terapie.

Per informazioni su Jaco, contattare il canile di Francavilla al Mare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storia di Jaco, il bull terrier dal passato difficile che sogna di rinascere

ChietiToday è in caricamento