Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

'Videor ergo sum'...sono visto dunque sono, prof. della D'Annunzio scrive un libro sull'ossessione selfie

Intervista a Giovanni Stanghellini dell'università D'Annunzio autore di “Selfie – Sentirsi nello sguardo dell’altro”

 

“Videor ergo sum”, esisto in quanto vengo osservato da qualcuno, è questo il nuovo io all’epoca dei selfie”. Parola di Giovanni Stanghellini docente del Dipartimento di Scienze Psicologiche, della Salute e del Territorio dell’Università di Chieti e autore del libro “Selfie – Sentirsi nello sguardo dell’altro”.  

Ai nostri microfoni Giovanni Stanghellini ci parla del selfie come "sintomo di un’epoca in cui omologazione culturale, sociale, identitaria e corporea vanno di pari passo. Sviluppare un rapporto diretto, singolare e necessariamente complesso con il nostro corpo, con la carne, è sempre più difficile. Così cediamo a un rapporto mediato e posticcio con l’immagine di noi stessi che ci restituisce uno sguardo estraneo, che valutiamo molto più del nostro".

Il selfie è un sintomo eloquente del nostro tempo. "La sproporzione che il selfie mette in luce - spiega Stanghellini -  è la stessa dalla quale scaturiscono l’anoressia e i disturbi del comportamento alimentare.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ChietiToday è in caricamento