Lo stadio Guido Angelini compie 50 anni: nel 1970 a inaugurare fu Chieti-Milan

L'impianto teatino fu inaugurato il 28 maggio 1970 davanti a 10 mila spettatori. A dirigere la gara fu il mitico arbitro Concetto Lo Bello

Inaugurazione stadio Angelini

Cinquant’anni fa a Chieti si inaugurava lo stadio “Guido Angelini”. Il principale impianto sportivo cittadino (inizialmente noto come stadio Marrucino) sorto nel quartiere Santa Filomena, è intitolato allo storico e indimenticato presidente del Chieti che dopo 15 anni di presidenza, si dimise nel 1977 regalando la società con l'intero parco giocatori al comune di Chieti; l'intero capitale era a quell'epoca di mezzo miliardo di lire.

Lo stadio costruito nel 1969 nel quartiere Santa Filomena venne inaugurato il 28 maggio 1970 con una partita amichevole (arbitrata da Concetto Lo Bello) contro il Milan allenato da Nereo Rocco. Il match terminò 1-6 per i rossoneri che in campo schieravano anche il futuro allenatore Giovanni Trapattoni, davanti una cornice di circa 10mila spettatori. 

Dal vecchio stadio della Civitella situato nel centro storico, si è passati ad un impianto di dimensioni maggiori e dotato di pista di atletica.

Lo stadio è formato da una tribuna coperta di circa 4.000 posti, dalla curva "Ezio Volpi" di circa 2000 posti, ampliata nel 2006, che ospita i tifosi di casa, da una curva ospiti omologata per 500 posti e da un settore distinti su due livelli, chiuso al pubblico da diversi anni anche a causa della scarsa manutenzione. Attualmente lo stadio ha una capienza omologata di 7.499 posti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Negli ultimi anni la scarsa manutenzione all'impianto ha portato diversi problemi sia al corretto utilizzo del manto erboso sia alla fruizione dei vari settori dello stadio da parte di pubblico ed atleti, come il tunnel degli spogliatoi sistematicamente allagato, portando la squadra cittadina a trasferirsi in altri impianti della regione per gli incontri casalinghi della stagione 2019/2020, anche a causa della chiusura dell'impianto di ottobre 2019 per consentire lavori di ripristino del manto erboso

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Fibromialgia: finalmente l'Abruzzo definisce le linee guida per diagnosi e trattamento

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Morì all'improvviso durante l'emergenza sanitaria: una messa per ricordare l'autista della Croce Gialla Cocco

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento