Pallavolo Teatina, tra due settimane la presentazione ufficiale

Lunedì 26 agosto le ragazze si presentano alla città. Il 12 settembre la prima amichevole

La lunga estate di trattative, nuovi arrivi e preziose conferme sta per concludersi. Con la presentazione ufficiale della squadra, che si terrà lunedì 26 agosto (maggiori dettagli saranno forniti nei prossimi giorni), partirà la stagione 2019/2020 della Pallavolo Teatina. Per vedere la prima amichevole bisognerà invece attendere il 12 settembre, contro l’ambizioso Teramo che militerà nel prossimo campionato di serie C, poi ce ne saranno altre due il 19 e il 25 settembre per poi affrontare, a fine mese, il nostro consueto torneo estivo, anche quest’anno dedicato alla memoria del dottor Sandro Angeloni. Alla prima di campionato subito di scena sul campo della grande favorita del torneo, l’Aragona di Agrigento, poi Fiamma Torrese in casa e alla terza il derby contro Altino.

L’attesa nel vedere all’opera il nuovo roster, e in una categoria superiore, è grande non solo tra tifosi e appassionati, ma anche tra coloro che questa squadra l’hanno costruita. Il direttore sportivo Alessandro Fusco, fiducioso del lavoro svolto e allo stesso tempo curioso di vedere sul campo il nuovo gruppo, traccia un bilancio dell’estate neroverde:

"Siamo convinti di aver costruito una buona squadra, profonda, ricca di qualità e di alternative di ottimo livello per ogni ruolo. Abbiamo lavorato di concerto con il nostro allenatore, Giorgio Nibbio, seguendo le sue indicazioni tecniche e, in alcuni casi, dove è stato possibile, esaudendo le sue specifiche richieste. Siamo capitati in un girone molto ostico, con due squadre che mi sembrano un gradino sopra le altre, ovvero Aragona e Cerignola, e altre due avversarie molto forti che conosciamo bene, e cioè le altre due abruzzesi Altino e Orsogna. Per quanto ambiziosi, restiamo comunque una matricola in B1 e il nostro obiettivo sarà fare il miglior campionato possibile, consapevoli della forza dei nostri avversari. Dal punto di vista personale sono arrivato, o per meglio dire sono tornato in società quando gran parte della squadra era fatta, ma ho fatto in tempo a dedicarmi a due trattative complicate, quelle che hanno portato a Chieti Claudia Palumbo e Maddalena Micheletto. Complicate perché, a fine campagna acquisti, gran parte del budget è stato già impegnato e dunque bisogna cercare di fare di necessità virtù, individuando giocatrici brave ma senza potersi e doversi svenare. Poi, ad esempio nel caso dell’opposto, non è facile convincere qualcuna a venire se nel roster, in quel ruolo, hai già una come Sara Gotti, e quasi tutte cercano invece la garanzia di giocare. Alla fine, siamo riusciti a prendere due ragazze giovani, che possono ancora crescere tanto, ma che allo stesso tempo hanno già una bella esperienza alle spalle, essendo reduci entrambe da una stagione da titolare in B2".

Potrebbe interessarti

  • Si cerca uomo scomparso questa mattina a Chieti

  • Si cerca uomo scomparso questa mattina a Francavilla al Mare

  • Roccamontepiano, la festa di San Rocco: tra culto e tradizione

  • 10 consigli per smettere di fumare

I più letti della settimana

  • San Vito Chietino, identificato l’uomo trovato morto

  • Se n'è andata la giornalista Simona Petaccia, presidente di Diritti Diretti

  • L'auto si sfrena e rischia di travolgere i visitatori del mercatino, ma una giovane coraggio la blocca

  • Più di 20 mila posti di lavoro in Abruzzo: per un terzo si cercano figure introvabili

  • La cantante Emma Marrone sceglie l’Abruzzo, weekend a Mammarosa: “Qui mi sento a casa”

  • Cadavere di un uomo fra la vegetazione: è giallo a San Vito Chietino

Torna su
ChietiToday è in caricamento