Chieti in serie D, parla capitan Ricci: "Un onore vincere con questa maglia"

Il giovane Daniele Ricci di Chieti scalo è il capitano dei neroverdi che hanno vinto il campionato di Eccellenza

Uno dei principali protagonisti della promozione in serie D del Chieti calcio è sicuramente Daniele Ricci. Per tutti il capitano. Teatino doc e vera guida in campo. Un campionato senza sbavature, praticamente perfetto.  Soprattutto la soddisfazione di aver riportato la squadra della sua città fuori dai campionati regionali con la fascia di capitano al braccio. Una stagione memorabile con l’obiettivo raggiunto domenica scorsa a Nereto che, per il classe ‘93 nato a cresciuto a due passi dallo stadio Angelini, cresciuto nelle giovanili nel River 65, ha un valore enorme. “Al triplice fischio di domenica scorsa ho provato una  gioia immensa – spiega il capitano neroverde – la vittoria del campionato era il nostro obiettivo stagionale ma dopo la partenza ad handicap il successo non era affatto scontato. Di sicuro sulla carta eravamo i più forti ma poi le gare vanno giocate”.  


Una forza in più data dall’essere stato designato al ruolo di guida in campo. “La fascia di capitano è una  responsabilità che mi è stata assegnata che non ho vivo come un peso – spiega Ricci – al contrario mi ha spronato a dare il 100% in ogni partita. Indossare la fascia del Chieti al braccio è un onore, sento di dover essere un esempio verso i più giovani oltre a non mollare mai soprattutto nei momenti di difficoltà”. 


Doverose le dediche e i ringraziamenti dopo una cavalcata memorabile che ha visto Daniele andare anche a rete 3 volte nonostante il ruolo di difensore centrale. “Un grazie immenso va al mister Alessandro Lucarelli un super professionista che ci ha permesso di compiere questa impresa. Ringrazio la mia famiglia, la mia fidanzata, i miei compagni e i tifosi che sono stati il vero valore aggiunto. Non ci hanno mai fatto mancare il loro sostegno. A nome della squadra posso dire che siamo dispiaciuti per la situazione che si è creata tra il presidente Di Giovanni e il direttore generale Pollio. Speriamo si possa ripartire in piena armonia societaria”.  

Sul futuro il capitano del Chieti ha le idee chiare.“Per me rimanere a Chieti, con questi tifosi e nella mia città sarebbe un sogno e un onore – dice Ricci - non mi vedrei con altre maglie sinceramente. Spero di poter disputare un campionato di serie D con ambizioni di vittoria nella prossima stagione. Bisogna puntare in alto. Sarebbe importante per tutta la città. Lo sport,  in particolare il calcio che è il più popolare, può dare una spinta importante per la rinascita di Chieti”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta in curva: arrivano i vigili del fuoco per estrarre il conducente dalle lamiere

  • Alcol e droga, strage di patenti: la Polstrada ne ritira 8 in una notte

  • La Nottata lancianese e la notte bianca dello Scalo: il programma del weekend

  • Piante di marijuana alte due metri lungo il fiume Pescara: arrestati padre e figlio

  • Lanciano, aggredito da sei coetanei. Il papà: "Rischia di perdere un occhio"

  • Francavilla al Mare, cane salva padrona dalla furia dell’ex: ora cerca casa

Torna su
ChietiToday è in caricamento