sabato, 25 ottobre 14℃

Chieti Paganese 0-0: svanisce il sogno promozione, la cronaca della partita

I teatini non riescono a rimontare lo 0 a 2 dell'andata e abbandonano il sogno promozione. La formazione neroverde saluta comunque a testa alta il proprio pubblico che tributa un lungo applauso a Pepe e compagni

Francesco Colagreco 10 giugno 2012
15

Prima dell’inizio del match c’è il giro di campo del presidente Bellia che raccoglie l’ovazione del pubblico presente.

Splendido il colpo d’occhio regalato da una curva Volpi gremitissima come non si vedeva da tempo, che saluta l’ingresso in campo della propria squadra con una spettacolare coreografia.
 
CRONACA
Al 9’ su cross di Fiore da calcio d’angolo, Del Pinto colpisce di testa alto sopra la traversa.
Al quarto d’ora Alessandro con una grande azione conquista una punizione dal limite dell’area, la batte Sabbatini che costringe Robertiello all’intervento in calcio d’angolo.
La posta in palio è importante e dopo appena venti minuti sono già tre i calciatori ammoniti: Lacarra per il Chieti, Sicignano e Galizia per la Paganese.
Al 27’ ancora Chieti pericoloso su calcio d’angolo: Migliorini di testa svetta su tutti ma non riesce a centrare la porta.
Al 37’ viene espulso per doppia ammonizione Galizia per fallo su Bigoni che sta disputando una grande partita.
Al duplice fischio dell’arbitro le formazioni rientrano negli spogliatoi sul risultato di 0 a 0. Poche le occasioni pericolose da entrambe le parti.
Al 2’st Paolucci richiama in panchina Fiore, al suo posto fa il suo ingresso in campo Anastasi che va a fare coppia con Lacarra in attacco. Alessandro e Sabbatini agiscono ora sugli esterni.
I neroverdi, in superiorità numerica, sono schierati ora con un più offensivo 4-2-4.
All’11st sventola su punizione di Sabbatini ma Robertiello è attento e sventa la minaccia.
Mister Paolucci vuole una squadra a trazione anteriore: al 14’st esce Del Pinto per far posto a Berardino che si posiziona sull’out di sinistra con Sabbatini che arretra a centrocampo.
Gli ospiti, nonostante l’inferiorità numerica, si difendono con ordine e concedono pochi spazi ai teatini.
Ultimo cambio per i neroverdi: al 25’st esce Alessandro ed entra Gammone.
Le uniche occasioni la formazione neroverde vengono dalle conclusioni dalla distanza Sabbatini e Berardino ma non impensieriscono oltremodo gli azzurrostellati.
Al 34’st Berardino tenta la conclusione a giro, Robertiello con un colpo di reni alza la sfera sopra la traversa.
Non riesce la remuntada alla formazione neroverde che, dopo una stagione disputata alla grande, riceve comunque l’applauso dei propri sostenitori.
 
TABELLINO
CHIETI (4-2-3-1): Feola; Bigoni, Malerba, Amadio, Pepe, Migliorini; Fiore (47’ Anastasi), Del Pinto ( 59’ Berardino), Lacarra, Sabbatini; Alessandro (70’ Gammone). All. Paolucci
PAGANESE (4-4-1-1): Robertiello; Pastore, Loiacono, Nigro, Fusco; Sicignano, Scarpa, Galizia, L.Orlando; Fava, De Martino. All.Grassadonia
Arbitro: Sig. Manganiello
Reti: nessuna
Note: Spettatori 3285
Espulso: Galizia al 37’
 

Annuncio promozionale

10 giugno 2012
chieti paganese
la cronaca

15 Commenti

Feed
  • Avatar di Alessandro

    Alessandro Lascia perdere Enrico, che quelli che si affacciano qui da altre parti per offendere, non sono degni di alcuna risposta perchè in fondo sono solo poveri paesani chissa' di dove 8con tutto il rispetto per i paesi), figurati, ma sono solo succubi di una moda. Non sanno neanche loro quello che dicono. Poveri decerebrati ......

    l'11 giugno del 2012
    • Avatar anonimo di Enrico

      Enrico Pensa che io ho postato solo un pensiero privo di provocazione e offese. Un libero pensiero rispettabile condivisibile o meno ma comunque libero. E questi che fanno arrivano in casa d'altri con fare arrogante provocatorio e si offendono al grido di invidiosi o bigotti perché c'ė chi non si piega al loro credo. Ma non erano quelli che nemmeno ci consideravano? Forse avranno finito le canzoni di Noemi da cantare o zingari ( ed eravamo noi i razzisti) da cacciare. Comunque per noi ė finita questa stagione e non smetterò mai di ringraziare società squadra mister per le emozioni che ci hanno regalato. mAi per modA

      l'11 giugno del 2012
    • Avatar anonimo di Enrico

      Enrico Alessá hai ragione meglio lasciarli perdere.

      l'11 giugno del 2012
    • Avatar anonimo di ahah

      ahah ahahah uno di ch da del paese ad altri!!! ahah è perchè chieti cos'è????? a x voi di ch è la metropoli!!! ma uscite di casa ogni tanto!

      l'11 giugno del 2012
  • Avatar anonimo di abr

    abr onore al pescara (A) e al lanciano (B) orgogli abruzzesi!

    l'11 giugno del 2012
    • Avatar anonimo di TEATINO

      TEATINO http://www.youtube.com/watch?v=53j4I63GKvI&feature=player_embedded vai al min. 1:49 Meglio un giorno da Teatino che vivere d'abruzzese.................ma capire tu non puoi.

      l'11 giugno del 2012
      • Avatar anonimo di ana

        ana e tu vai al minuto 2.16! ahahahah

        l'11 giugno del 2012
    • Avatar anonimo di Ale

      Ale Mode passeggere. La vera fede è essere al fianco della propria squadra quando si perde! SEMPRE PIU' FORTE FORZA NEROVERDI! In c1 200 paganti in A 20.000 questa è la tua fede occasionale abruzzese.

      l'11 giugno del 2012
      • Avatar anonimo di kazu

        kazu quindi il vero tifoso sostiene chi perde! ecco xke tutti voi di chit tifate i negroverdi!

        l'11 giugno del 2012
        • Avatar anonimo di Ale

          Ale Salutami la vita agreste di Moscufo! Tenerone!!! AHAHAHA!

          l'11 giugno del 2012
  • Avatar anonimo di Enrico

    Enrico E' quella conclusa una stagione a due facce. Una bella per quanto fatto da i nostri ragazzi. E chi ci credeva?!!??. Ad inizio stagione ero scettico sulle capacità della squadra ma poi partita dopo partita ho dovuto ricredermi fino a dedicargli l'applauso più affettuoso. L'altra brutta per i risultati che sono arrivati dagli altri campi. Non tanto per l'esito sportivo (per il quale faccio anche sinceri complimenti) ma per le conseguenze mediatiche e politiche che porterà dietro. Comunque GRAZIE RAGAZZI E GRAZIE CURVA VOLPI A SOSTEGNO DI UNA FEDE E MAI PER MODA

    l'11 giugno del 2012
    • Avatar anonimo di noe

      noe brutta notizia venuta da altri campi???? conseguenze mediatiche e politiche che porterà????? l'invidia vi sìarmagn! ecco cosa siete! gli unici "abruzzesi" se cosi vi si puo chiamare a non essere contenti per il pescara e il lanciano ed essere attaccati alla vostra moda della rivalità! ma xfavore! ridicoli e ridicolizzati da tutt'abruzzo! abbassate la testa che siete piccoli piccoli! una tribù!

      l'11 giugno del 2012
      • Avatar anonimo di Enrico

        Enrico Un ultima cosa..........e poi giuro che non ti do più retta. Ma è mai possibile che se qualcuno si dimostra contrario o non interessato alle vittorie di lanciano e pescara subito deve essere eitchettato come gretto, chiuso, minoranza o quant'altro. Ma sarò libero di provare ed esprimere quello che voglio !?! Ora pensa a festeggiare con i tuoi nuovi amici e non rompere a chi non ti ha invitato.

        l'11 giugno del 2012
      • Avatar anonimo di Enrico

        Enrico Mi dispiace che hai interpretato male quanto ho scritto........ma anche che non hai letto bene. Se fai più attenzione vedi che ho fatto i complementi per i risultati sportivi ottenuti. Quello per cui mi rammarco che il non aver raggiunto la C1 ci penalizzerà sia come attenzione che come interesse da parte di media e politici. E certo non lo dico per invidia (poi cosa vi dovrei invidiare?????????) ma per un dato di fatto e non ne sto facendo una colpa a nessuno. Il tuo modo di esprimerti e rivolgerti nei nostri confronti dimostra da solo chi sia veramento quello chiuso e bigotto. In bocca al lupo.

        l'11 giugno del 2012