← Tutte le segnalazioni

Altro

Di Maio e Di Battista contestati a Ortona

Corso Garibaldi · Ortona

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Lavoratori del polo della perforazione abruzzese hanno sostenuto il gas italiano contestando duramente Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista, arrivati ieri al teatro Tosti di Ortona per la campagna elettorale, per la recente decisione di sospendere le attività di perforazione in Italia. L’aperta contestazione è una novità per il movimento che era abituato a stare dall’altro lato della “barricata”. Tale mancata produzione, secondo le posizioni dei manifestanti, sarà compensata da maggiori acquisti di gas dall’estero penalizzando la nostra bilancia commerciale e aumentando la dipendenza da paesi terzi.

Il polo abruzzese è al momento molto importante ed opera in tutta Italia e all’estero. Se non ci sarà attività in Italia le società certamente chiuderanno le loro sedi italiane, con la perdita di diverse migliaia di posti di lavoro sopratutto in Abruzzo, penalizzando non solo i lavoratori del settore ma inciderà sull’intera economia della regione. La riduzione di dipendenza dai combustibili fossili si persegue riducendo i consumi, e sviluppando in parallelo le energie alternative, non rinunciando alle risorse nazionali.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
ChietiToday è in caricamento