Addio plastica: 7 consigli per ridurre lo spreco

Anche se il futuro della Terra è compromesso, bisogna comunque fare la propria parte e uscire dalla sbagliata mentalità consumistica dell’usa e getta

Un mare di plastica ci sommerge. È un materiale che produciamo in abbondanza, che dovremmo eliminare o almeno ridurre. Per riuscirci, basta seguire dei semplici ma validissimi consigli e dire addio alla plastica per sempre e diventare plastic free.

Anche se il futuro della Terra è compromesso, bisogna comunque fare la propria parte e uscire dalla sbagliata mentalità consumistica dell’usa e getta. Più utile è provare un nuovo approccio: usa e riusa.

L’Unione Europea ha lanciato un programma ambizioso: entro il 2030 in Europa sarà messa al bando la plastica monouso, tutta gli imballaggi dovranno essere riciclabili e l’uso di microplastiche dovrà essere ridotto al minimo.

Per produrre un sacchetto di plastica serve un grande dispendio idrico, energetico e di altre risorse. Insomma, è un vero e proprio spreco sotto ogni punto di vita. Senza dimenticare che molti che usano in maniera spropositata la plastica, la “scaricano” male, gettandola in luoghi pubblici, come parchi e giardini, in spiaggia e al mare.

7 consigli da mettere in pratica subito

Eliminare le cannucce. Bere dal bicchiere è anche più soddisfacente.

Eliminare i sacchetti della spesa. Ormai tutti i negozi, anche gli ambulanti del mercato di Chieti, si sono muniti di buste biodegradabili, ma molti le fanno pagare. Ecco perché è utile acquistare o realizzare a mano delle buste resistenti per fare la spesa.

Acquistare detersivi alla spina. Ne avete mai sentito parlare? Nella nostra città ci sono diversi punti vendita dove potersi rifornire. In questo modo è possibile ricaricare un vecchio flacone con un nuovo prodotto, per di più risparmiando.

Acquistare cibo sfuso. In genere il cibo nei supermercati è contenuto all’interno dei pacchetti preconfezionati. Evitate il pacchetto, così da risparmiare anche sul costo del contenitore, che non è gratis: l’azienda mette a carico dell’acquirente.

Riutilizzare i contenitori di vetro. Lo facevano le nonne, lo fanno le mamme e ora fatelo anche voi in modo consapevole. Non gettate i contenitori di vetro usati, piuttosto puliteli e usateli per contenere altri alimenti o ciò che volete.

Preferire il vetro alla plastica. Il vetro è molto più sostenibile della plastica, quindi preferite questo materiale al letale monouso della plastica, in particolar modo di bottiglie e bicchieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Usare il proprio contenitore per il cibo. Invece di presentarsi al fast food, ordinare il pranzo e farlo riporre in contenitori di plastica, fatelo inserire nel vostro lunch box personale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fibromialgia: finalmente l'Abruzzo definisce le linee guida per diagnosi e trattamento

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Schianto frontale nella notte: muore un giovane di 22 anni, ferita una donna [FOTO]

  • Il teatro piange Maria Grazia Montante, regina della compagnia I Marrucini

  • Ascanio Celestini, Lino Guanciale e gli Avion Travel: estate di grandi nomi a Guardiagrele

  • “Morti aspettando la cassa integrazione”: necrologi shock di CasaPound davanti alla sede Inps

Torna su
ChietiToday è in caricamento