Allarme soffocamento: Ikea richiama i bavaglini a rischio

Dopo diverse segnalazioni, Ikea ha deciso di ritirare dal mercato i prodotti per proteggere i più piccoli

Pasticcio in casa Ikea: il colosso svedese ha dovuto ritirare dal mercato i bavaglini Matrva e chiedere a coloro che li hanno acquistati, di riportarli in negozio per consegnarli e ottenere il rimborso.

L’allarme è stato lanciato da alcuni clienti:

Ci è stato segnalato che il bottone del bavaglino potrebbe staccarsi, se tirato dal bambino.

Queste le parole di Emelie Knoester, business area manager di Ikea.

Tutti i prodotti Ikea rispettano alti standard di sicurezza e solo dopo aver superato una serie di test, arrivano sugli scaffali dei negozi del marchio svedese. Tuttavia i bavaglini Matrva, venduti in un pacco doppio, potrebbero provocare soffocamento perché il bottone della chiusura potrebbe staccarsi.

Per questo motivo non sono più in vendita e si consiglia fortemente di riconsegnarli. Sarà possibile ottenere il rimborso della somma, anche se non si è più in possesso dello scontrino fiscale, oppure richiedere la sostituzione con un prodotto del brand.

A tal proposito, nei negozi Ikea, tra cui anche quello di San Giovanni Teatino, sono in vendita dei bavaglini Matrva (motivo frutta/verdura, verde/giallo 2 pezzi), che sono stati realizzati con materiale e design diversi. Quindi, nonostante abbiano lo stesso nome dei modelli incriminati, sono sicuri.

Per ricevere il rimborso basta recarsi in un qualsiasi negozio Ikea. Per altre informazioni si consiglia di contattare il servizio clienti al numero verde 800 924646.

Di seguito vi lasciamo le informazioni della sede chietina:

Ikea - Chieti S.G. Teatino, Via Regolizie 22. Orari: Lun - Ven: 10:00 - 20:00; Sab - Dom: 10:00 - 21:00.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, famiglie in isolamento a Pescara dopo contatti con contagiati

  • Dai tavoli de "La Pecora Nera" al cinema per adulti: il primo film di Marilena Di Stilio

  • Coronavirus, l'ordinanza della Regione Abruzzo: chi torna da zone a rischio deve comunicarlo al medico

  • Coronavirus, riunione operativa in Regione: obbligo di isolamento per chi ha avuto contatti con le zone rosse

  • Coronavirus, primo caso in Abruzzo: paziente positivo al primo test ricoverato a Teramo

  • Coronavirus: 17enne in isolamento all'ospedale di Vasto, è appena tornata da Padova

Torna su
ChietiToday è in caricamento