A Torrevecchia i nonni vigili celebrano il decimo anno di attività

Ogni giorno i generosi volontari vigilano, come veri e propri angeli, sugli alunni davanti alle scuole del paese

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Un piccolo esercito di generosi volontari vigila ogni giorno gli alunni davanti alle scuole di Torrevecchia Teatina. Con l'inizio dell'anno scolastico, lo scorso 10 settembre ha preso avvio per il decimo anno consecutivo il prezioso servizio offerto alla comunità da queste persone, veri angeli custodi, che dedicano il loro tempo alla sorveglianza e alla sicurezza dei bambini e dei ragazzi davanti alle scuole. Ogni anno un piccolo esercito di uomini e donne in casacca gialla si alterna, settimana dopo settimana, col freddo o col sole e in ogni condizione meteo.

La comunità di Torrevecchia nel corso degli anni si è affezionata alla loro presenza, che ha costituito anche un fondamentale deterrente nei confronti di eventuali malintenzionati. In dieci anni si sono alternati e succeduti circa 50 nonni vigili ed ogni anno nel gruppo entra qualche nuovo nonno. Alcuni di loro ormai non ci sono più, ma vigilano dall'alto e sono nei cuori di chi li ha conosciuti. Altri si sono dovuti fermare, per qualche tempo o un po' di più, ma la passione per questo servizio traspare ad ogni loro parola: la cosa che li ha resi sempre felici è stato ed è il "Buongiorno!" pronunciato da un bambino, la cosa che li ha sempre resi orgogliosi è stato ed è sentirsi protagonisti della protezione delle future generazioni.

Quest'anno l'esercito dei nonni vigili è costituito da 19 generosi volontari, 13 uomini e 6 donne, di cui 15 "titolari" e 4 "panchinari" pronti a rendersi disponibili in caso di eventuali defezioni. A tutti loro il ringraziamento e l'affetto dell'intera comunità, come a tutti i Nonni Vigili che hanno donato una parte della loro vita ai giovanissimi del paese. Che siano di esempio per le presenti e le future generazioni.

I più letti
Torna su
ChietiToday è in caricamento