Lezioni contro bullismo e omofobia, il "Galiani-De Sterlich" incontra l'Arcigay: "Ma non è facile far entrare i nostri progetti nelle scuole"

Plauso alla dirigente scolastica dell'istituto tecnico da parte del circolo teatino ma altrove "parlare di questi argomenti pare essere ancora un problema" evidenziano

i volontari e le volontarie dell'Arcigay Chieti

L'Itcg "Galiani-De Sterlich" incontra l'Arcigay Chieti. Si intitola “Libera-mente a scuola” il progetto che l'associazione ha proposto per l’attuale anno scolastico agli istituti superiori del territorio e consistente in incontri frontali ed interattivi sui temi del bullismo, cyberbullismo e bullismo omofobico, educazione alla prevenzione e al benessere e sviluppo psicoaffettivo.

Il progetto, svolto dai volontari dell’associazione con l’arricchimento della psicologa e psicosessuologa Nicolina Capuano e la presenza di un facilitatore linguistico nella Lingua Italiana dei Segni, nel corso delle ultime settimane è stato portato agli studenti e alle studentesse dell’istituto teatino. Quattro gli incontri al Galiani - De Sterlich per ragionare sul tema del bullismo e della prevenzione delle infezioni sessualmente trasmissibili (IST).

"Con le classi prime nel corso dei primi due incontri - spiegano dall'Arcigay Chieti -  è stato affrontato l’argomento dal titolo 'Bullismo: faccia a faccia e dietro uno schermo' che ha offerto loro l’opportunità di confrontarsi sui temi del pregiudizio e della discriminazione alla base degli atteggiamenti negativi che ritroviamo nel bullismo e del cyberbullismo, ai danni di tutte quelle persone che non rispecchiano quei 'modelli sociali' che spesso sono rispondenti a stereotipi fuorvianti. I recenti fatti di cronaca ci portano ad osservare quanto l’Abruzzo non sia esente da questo fenomeno, né tantomeno dal bullismo omofobico e quanto sia necessario parlare, ragionare su questi temi con quei giovanissimi e quelle giovanissime che saranno il futuro del territorio e dell’Italia promuovendo una cultura del rispetto verso tutti e tutte. Perché discriminiamo? Come possiamo “spezzare” un pregiudizio? Perché, alle volte, abbiamo paura di ciò che non conosciamo? Cos’è l’omofobia?

arcigay itcg2-2

Nei successivi due appuntamenti e classi IV invece hanno avuto modo di confrontarsi sul tema delle IST (Infezioni Sessualmente Trasmissibili) parlando di 'Educazione alla prevenzione e al benessere', imparando la differenza tra un’infezione e una malattia, conoscendo le principali IST e quelle che sono le buone pratiche di prevenzione con l’obiettivo di vivere liberamente e consapevolmente la propria sessualità. Il confronto con i ragazzi e le ragazze ha confermato anche quelle che erano le previsioni del gruppo scuola: una grande confusione sulle differenze tra prevenzione e contraccezione oltre che, purtroppo, i soliti pregiudizi nei confronti di una ragazza che vive liberamente la propria sessualità rispetto ad un coetaneo maschio. Tutto ciò prova quanto sia importante porre l’attenzione su questi temi anche in ambiente scolastico, dove spesso falsi miti sulle malattie sessualmente trasmissibili trovano terreno fertile".

Video: "Liberi di essere": il circolo Sylvia Rivera si presenta

Ma non è stato facile presentare il progetto nelle scuole, "in quanto parlare di omofobia, discriminazione e infezioni sessualmente trasmissibili pare essere ancora un problema", fa presente l'Arcigay Chieti che proprio per questo ha voluto ringraziare pubblicamente la dirigente scolastica del "Galiani-De Sterlich", Candida Stigliani, "dimostratasi attenta alle tematiche e intenta a combattere il fenomeno del bullismo, fornendo strumenti ai propri alunni e ad informarli su quelli che sono i rischi di un rapporto sessuale non protetto, promuovendo sempre quella cultura di rispetto verso tutti e tutte, assieme alla referente progetti, la professoressa Di Gregorio con la quale il gruppo scuola si è interfacciato".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta in curva: arrivano i vigili del fuoco per estrarre il conducente dalle lamiere

  • Alcol e droga, strage di patenti: la Polstrada ne ritira 8 in una notte

  • Fuma una "canna" con gli amici alla villa, ma ha 12 dosi di marijuana nel marsupio: denunciato

  • Piante di marijuana alte due metri lungo il fiume Pescara: arrestati padre e figlio

  • Entra in casa della fidanzata dal balcone e la morde: 30enne arrestato a Chieti Scalo

  • Ciclista originario della provincia di Chieti muore a Roma dopo essere stato investito

Torna su
ChietiToday è in caricamento