All'università di Chieti va il premio per l’innovazione chirurgica in oftalmologia

L’Innovator Award italiano è stato assegnato all'università G. d’Annunzio dalla Società Oftalmologica Italiana

L’università G. d’Annunzio di Chieti-Pescara ottiene il premio per l’innovazione chirurgica in oftalmologia. Il riconoscimento è stato assegnato dalla Società Oftalmologica Italiana durante ul 99° congresso nazionale svoltosi a Roma dal 20 al 23 novembre, vetrina di alta qualità per il programma scientifico focalizzato sui più importanti temi e aggiornamenti del settore oftalmologico. Il professor Leonardo Mastropasqua (foto) è stato insignito dell’ Innovator SOI MedalLecture.

Nella lectio di fronte agli studiosi il professore ha ripercorso la storia che ha portato alla realizzazione della nuova idea di trapianto di cornea partita nel 2010, fino ai risultati raggiunti dal gruppo di ricerca del Centro nazionale di alta tecnologia dell’Università d’Annunzio, guidato dallo stesso, nell’ideazione, progettazione e realizzazione della slak, una nuova tecnica chirurgica per la cura del cheratocono che rimodella la cornea in alternativa alla tradizionale cheratoplastica. Si tratta di una tecnica chirurgica innovativa già premiata negli Usa, con il “LansDistinguished Award”, dall’American Academy of Ophthalmology nel 2017 ed in Europa dall’ESASO, nel 2018.

 “Questa nuova procedura robotica, minimamente invasiva, consente di regolarizzare la curvatura della cornea ectasica e contemporaneamente di aumentare lo spessore del tessuto che si assottiglia per effetto della patologia - spiega Mastropasqua - la vera innovazione di questa idea risiede nell’aver intuito le possibilità legate all’utilizzo della robotica in ambito trapiantologico, e di rimodellare la cornea del paziente invece di sostituirla”

 Il cheratocono 

E’ una malattia degenerativa che colpisce i giovani, conseguente ad una minore rigidità strutturale della cornea. Consiste in un progressivo sfiancamento del tessuto che si assottiglia e si estroflette all'apice assumendo forma microscopica. In genere colpisce entrambi gli occhi, anche se spesso in misura diversa. Si stima che ne sia affetto 1 abitante ogni 1500, ma i casi di alterazioni riconducibili al cheratocono sono almeno il doppio. L'esordio e l'evoluzione della malattia sono molto variabili e la riabilitazione visiva nel percorso di vita del paziente, basata progressivamente su occhiali, lenti a contattosu misura e chirurgia, comporta costi sociali elevati e riduzione della qualità della vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sant'Anna piange Pierluigi Orsini, oggi i funerali

  • Ferito da un colpo di fucile durante una battuta di caccia al cinghiale: è grave

  • Poste Italiane assume portalettere anche a Chieti e provincia

  • Luisa, colpita ripetutamente e uccisa mentre scappava dal marito

  • Lanciano in lutto per la scomparsa del dottor Brasile, morto durante l'escursione sulla Majella

  • Era originario di Lanciano uno dei due escursionisti morti sulla Majella

Torna su
ChietiToday è in caricamento