L'infettivologo: "Aspettiamoci 2-3mila casi in Abruzzo. Fine di questa fase? Almeno altre 4-6 settimane"

Per il direttore della Uoc Malattie Infettive di Pescara, Giustino Parruti, ci vorranno ancora altre settimane di isolamento sociale. "No ai tamponi a tappeto ora" dice

"Dobbiamo essere preparati ad avere tra i 2mila e 3mila casi in Abruzzo. Questa è la cosa piu probabile, sperando che l'isolamento sociale ci consenta di ridurre al minimo il diffondersi del virus. Siamo adesso in una fase pandemica".

Sono le parole del professor Giustino Parruti, direttore della Uoc Malattie Infettive di Pescara, durante un'intervista a 'Sos Coronavirus', la rubrica online dalla Regione Abruzzo.

L'infettivologo nel suo intervento ha ipotizzato che questa fase potrebbe durare almeno altre 4-6 settimane e che al termine della stessa "potrebbe instaurarsi una fase endemo-epidemica, cioè - ha spiegato - una volta risolti molti dei focolai potremmo trovarci a fronteggiare piccole o grandi risorgenze del virus e ci vorrà una grande organizzazione. Sarà importante l'efficientamento e il mantenimento delle unità operative integrate di Malattie Infettive".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per l'infettivologo Parruti, inoltre, non serve ora fare tamponi a tappeto. Piuttosto occorre "una giusta distribuzione prima che il sistema Italia riparta. Alla fine della fiera, cioè quando stiamo per riaprire i motori dell'Italia, dobbiamo capire quante son le persone potenzialmente asintomatiche ma portatrici. Tutte le regioni dovranno trovare delle strategie intelligenti. Una su cui siamo tutti d'accordo - ha aggiunto - è testare tutti gli operatori di pubblica utilità (dagli operatori sanitari fino ai giornalisti) che non si sono fermati in questo periodo. Potremmo essere - ha concluso il professore - coloro che paradossalmente traghettano ancora una potenziale diffusività Bisogna razionalizzare al massimo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fibromialgia: finalmente l'Abruzzo definisce le linee guida per diagnosi e trattamento

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

  • Il teatro piange Maria Grazia Montante, regina della compagnia I Marrucini

  • Ascanio Celestini, Lino Guanciale e gli Avion Travel: estate di grandi nomi a Guardiagrele

  • “Morti aspettando la cassa integrazione”: necrologi shock di CasaPound davanti alla sede Inps

Torna su
ChietiToday è in caricamento