L’Udc di Chieti si interroga sulla famiglia e sul “quoziente familiare”

Domani pomeriggio il convegno “L’avvenire dell’umanità passa attraverso la famiglia”, organizzato dal gruppo consiliare al Comune, con l’arcivescovo di Lanciano-Ortona e gli onorevoli Santolini e Onorato

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

“L’avvenire della famiglia passa attraverso la famiglia”: è questo il titolo scelto dal gruppo consiliare dell’Udc al Comune di Chieti per il convegno che vede il partito riflettere sulla famiglia e le politiche familiari e che si svolgerà domani pomeriggio alle 18.00 presso la sala consiliare della Provincia di Chieti, in corso Marrucino.

Un titolo che è già un programma, così come gli interventi di alto profilo morale, scientifico e politico.

Dopo i saluti delle autorità presenti, introdurrà l’argomento del convegno l’avvocato Andrea Buracchio, segretario cittadino dell’Udc, che darà le coordinate del dibattito al quale prenderanno parte Sua Eccellenza Monsignor Emidio Cipollone, arcivescovo di Lanciano-Ortona, che rifletterà sul tema “C'è un vangelo per la famiglia ed ogni famiglia è un vangelo”; seguirà l’onorevole Luisa Santolini, responsabile nazionale per la famiglia e le politiche sociali dell’Udc, che proporrà un intervento su “Famiglia credi in ciò che sei”, prendendo spunto dalla famosa frase di Giovanni Paolo II al convegno nazionale delle famiglie; infine l’onorevole Alessandro Onorato, presidente del gruppo Udc al Comune di Roma e promotore per l’introduzione del quoziente familiare nelle politiche degli enti locali, parlerà dell’esperienza del Comune capitolino nelle politiche familiari.

Il dibattito verrà moderato dalla giornalista Sipontina Beverelli, collaboratrice della redazione teatina de “Il Centro”.

 

Torna su
ChietiToday è in caricamento