Stop estrazione idrocarburi a Bomba| Marcozzi (M5S): "Una vittoria per l'Abruzzo"

La candidata governatrice rivendica l'aver messo posto l'attenzione sul caso oltre un anno fa

“Buone notizie per Bomba, dopo l’immobilità dei precedenti governi, finalmente il segna un punto importante per lo stop all’estrazione di idrocarburi". Sono le parole di Sara Marcozzi, consigliera regionale e candidata governatrice per la Regione, dopo il parere negativo sull'estrazione degli idrocarburi a Bomba del ministero dell'Ambiente, guidato da Sergio Costa.

Non manca un attacco a Luciano D'Alfonso: 
  
"Come M5S abbiamo sempre ritenuto il progetto dannoso per il territorio e chi lo abita. Già nel 2017 presentammo un’interrogazione, a mia firma, in consiglio regionale per chiedere alla Regione Abruzzo, guidata da D’Alfonso, quali azioni stesse mettendo in campo per evitare questo pericoloso progetto e per spingere affinché il Governo desse parere negativo all’estrazione. Il problema, però, non sembrò interessare particolarmente l'allora presidente  D’Alfonso, che della tutela del territorio non ha fatto certo il cavallo di battaglia della sua legislatura. Oggi con il M5S la situazione è finalmente cambiata”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine l'impegno sul controllo del territorio:
  
“Una vittoria per tutto l’Abruzzo che mi rende particolarmente orgogliosa. Come M5S sappiamo che la nostra è una regione per sua morfologia a grande rischio sismico, non è possibile aumentare un rischio naturale, con cui già dobbiamo convivere, con interventi di questo tipo. Ci auguriamo che questa strada virtuosa sia percorsa costantemente. Infatti, la questione del giacimento del lago di Bomba ha origini lontane e ciclicamente, nonostante le evidenti e immutate criticità, gruppi petroliferi internazionali si ostinano a presentare istanze per lo sfruttamento del sito. Non è accettabile che ogni dieci anni cittadini, associazioni e Sindaci debbano combattere una battaglia già vinta in passato. Speriamo che questa volta il punto sia definitivo. Se il M5S governerà Regione nella prossima legislatura non si metteranno mai più in dubbio questo punto e la sorte di un intero territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • L'infettivologo: "Aspettiamoci 2-3mila casi in Abruzzo. Fine di questa fase? Almeno altre 4-6 settimane"

  • Coronavirus: 58 nuovi casi in Abruzzo, 21 in meno rispetto a ieri

  • Scontro auto-tir in via Aterno, 40enne in gravi condizioni

  • Covid-19, il laboratorio dell'Ud'A di Chieti pronto per eseguire i test: si parte con gli operatori sanitari

  • Coronavirus: altri sei morti in Abruzzo, due erano della provincia di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento