Soprintendenza, Giustizia Sociale: "Tutelare gli interessi di Chieti"

"Il sindaco Di Primio dovrà essere fermo nel respingere - dice il coordinatore politico Lalli - l’estremo tentativo del sindaco dell’Aquila Cialente"

Stefano Lalli

Sulla questione del trasferimento della Soprintendenza a Chieti, interviene anche Giustizia Sociale, che tramite il coordinatore dell'attività politica Stefano Lalli chiede al sindaco Di Primio "di prestare molta attenzione agli annunci bellicosi provenienti dal capoluogo abruzzese con il capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale Guido Liris a capeggiare la 'rivolta politica' a tutela dell’economia locale e del responsabile regionale Cisl beni culturali e ambientali Elvezio Sfarra che ha interessato la segreteria nazionale del sindacato per aprire un tavolo di trattativa con il ministro Franceschini a difesa del territorio aquilano". 

"Ma soprattutto - prosgue il sindaco Di Primio dovrà essere fermo nel respingere, con la dovuta cortesia ma allo stesso tempo con grande determinazione,  l’estremo tentativo del sindaco dell’Aquila Cialente che ha già annunciato che proverà a mediare con l’amministrazione comunale di Chieti nella speranza di riportare a L’Aquila il Polo Museale d’Abruzzo. E’ necessario, insomma, soprattutto in questo frangente, mantenere alta l’attenzione a tutela degli interessi della città di Chieti". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al Comune di Ortona concorso pubblico per sette posti a tempo indeterminato

  • Schianto nel cuore della movida dello Scalo: automobile travolge una moto

  • Accoltellata nel cortile di casa a Francavilla: non ce l'ha fatta Aliona Oleinic

  • Casoli, il mezzo agricolo gli trancia la gamba: agricoltore muore dissanguato

  • Va a prendere il figlio a scuola e viene investito in pieno centro

  • Sequestro dei macchinari dopo l'incidente mortale sul lavoro, blocco forzato alla Sevel

Torna su
ChietiToday è in caricamento