La proposta di Ideabruzzo contro la criminalità: "Sistema di telecamere e vigilanza privata"

Dopo gli ultimi episodi, Di Ciano lancia la proposta del movimento per garantire la sicurezza dei cittadini

Di Ciano di Ideabruzzo

"Un sistema misto di telecamere pubbliche e private e di vigilanza, per garantire la sicurezza in città". È la proposta avanzata da Andrea Di Ciano di Ideabruzzo dopo gli ultimi episodi criminali avvenuti a Chieti. 

"Da diversi anni - spiega - sosteniamo l’importanza e l’efficacia della videosorveglianza nella prevenzione e nella punizione dei reati. I fatti e i dati a disposizione oggi ci danno ragione, attestando l’efficacia di tali sistemi. Per dare in tempi brevi la più alta sicurezza in termini di controllo e monitoraggio di Chieti e dell’intero territorio comunale, occorre realizzare una rete mista costituita da telecamere comunali e dei privati. Queste ultime, se gestite direttamente, non possono inquadrare la pubblica via, ma soltanto l’ingresso o gli interni della propria impresa o casa. Al contrario, se le telecamere fossero gestite esclusivamente dalla polizia municipale o dalle forze dell’ordine, potrebbero essere puntate anche verso la strada". "

Si potrà, così - continua - agevolare le indagini e rendere più veloce l’individuazione degli autori di reati contrastando, al contempo, in maniera più efficace l’illegalità. La gestione diretta del sistema misto di videosorveglianza porterà anche a un evidente risparmio di tempo e di costi per le forze dell'ordine. Le immagini della rete di telecamere pubbliche e private - aggiunge - dovranno essere convogliate in un 'cervellone' elettronico nella centrale operativa della polizia municipale. Per favorire la creazione della rete mista, occorre coinvolgere le associazioni delle imprese e i sindacati, coi quali andrà siglato un protocollo d’intesa per sensibilizzare cittadini e imprenditori a cedere la gestione delle telecamere alla polizia municipale. Vanno, inoltre, previste incentivazioni per i privati quali la riduzione delle imposte comunali". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul fronte della vigilanza, Di Ciano fa l'esempio di Verona e di altre città, dove il Comune ha assunto vigilanti privati a presidio delle aree più critiche. "La stessa misura - propone - potrebbe quindi essere adottata anche a Chieti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso in casa, muore a 39 anni tecnico informatico

  • L'Abruzzo scelto per la sperimentazione dell'app Immuni con Liguria e Puglia, si parte a giugno

  • Paglieta in lutto per Antonella, mamma di tre bambini scomparsa a 34 anni

  • Decathlon investe in provincia di Chieti: apre un secondo punto vendita

  • In Abruzzo arrivano i Condhotel, stanze d'albergo vendute ai privati

  • Oggi sposi, nonostante il Coronavirus: Jessica e Francesco si sono sposati a Chieti in attesa dei loro gemellini

Torna su
ChietiToday è in caricamento