Ottavio Argenio (M5S) sulle condizioni poste della Lega: "Prove generali di ipocrisia"

Il consigliere pentastellato ha commentanto il contenuto della lettera inviata dalla Lega al sindaco Di Primio

Dopo la lettera inviata a Umberto Di Primio da parte del commissario provinciale della Lega, Palmerino Mammarella contenente i cinque punti da rispettare fino alla fine del mandato elettorale, pena il mancato appoggio alla maggioranza, è arrivata la reazione da parte dell’opposizione.

Il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Ottavio Argenio ha commentato il fatto sul proprio profilo facebook.

Un partito che conta due soli consiglieri e che alle scorse amministrative non è neanche riuscito a superare la soglia di sbarramento, all'improvviso inizia a "dettare condizioni"...Su cosa poi? Su argomenti dei quali, come forza politica a Chieti, per 4 anni, non si è mai occupata o preoccupata anzi.
Proprio i 2 consiglieri neo salviniani fino a ieri hanno sostenuto tutte le scelte di questa Giunta comprese quelle che hanno causato la chiusura degli asili e la soppressione del servizio scuolabus!

Inoltre, aggiunge il consigliere penta stellato.

Oggi ci vengono a dire che i cittadini di Chieti Scalo hanno diritto di vedere potenziata la delegazione di Pazza Carafa...
Sembra che queste persone non vivano a Chieti!
Sembra che non si siano accorti che gli Uffici comunali, tutti, anche quelli centrali, sono al collasso a causa dei ben noti (evidentemente non a loro che essendo leghisti forse vivono in quel di Pontida) problemi di personale che risulta, almeno numericamente, inadeguato.

Infine, in prospettiva futura, conclude Argenio..

Insomma, sono iniziate le prove generali di ipocrisia in vista della nuova campagna elettorale, facciamocene una ragione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al Comune di Ortona concorso pubblico per sette posti a tempo indeterminato

  • Schianto nel cuore della movida dello Scalo: automobile travolge una moto

  • La migliore colazione è a Chieti, premiata l'eccellenza di Manuela Bascelli

  • Casoli, il mezzo agricolo gli trancia la gamba: agricoltore muore dissanguato

  • Va a prendere il figlio a scuola e viene investito in pieno centro

  • Sequestro dei macchinari dopo l'incidente mortale sul lavoro, blocco forzato alla Sevel

Torna su
ChietiToday è in caricamento