Ospedale di Ortona, a rischio il Polo della donna. Paolucci: "Stiamo assistendo allo smantellamento"

Le attività di Chirurgia Generale, Ortopedia e Ginecologia Oncologica sono ferme. L'ex assessore regionale alla Sanità presenta una risoluzione per impegnare la Giunta

"Stiamo assistendo ad uno smantellamento silenzioso dei reparti chirurgici dell'ospedale di Ortona dove, invece, molte donne in questi anni hanno cercato e trovato elevati standard qualitativi nelle prestazioni sanitarie per la cura delle di patologie impattanti, oltre a umanità e professionalità del personale sanitario che vi operava". L'ex assessore alla Sanità della Regione Abruzzo, Silvio Paolucci, oggi consigliere d'opposizione tra le fila del Pd, interviene sulla questione sanità a difesa dell'ospedale Bernabeo.

"Sono trascorsi due mesi e i reparti di chirurgia, ginecologia oncologica e di ortopedia programmata restano sguarniti del personale medico necessario ad assicurare piena continuità alle prestazioni sanitarie- aggiunge- Dall'1 aprile 2019, la 'Giunta lenta' che rallenta l'Abruzzo ancora non è' capace di fornire adeguata risposta ad un presidio d'eccellenza che, per colpa delle loro scelte, sta pagando un prezzo altissimo in termini di fuga dei pazienti verso altre realtà regionali ed extraregionali".

Due giorni fa è stata stata portata all'attenzione della commissione Salute del Consiglio regionale la risoluzione dell'opposizione per impegnare la Giunta a dare seguito alle iniziative sospese per il ripristino delle attività di Chirurgia Generale, Ortopedia e Ginecologia Oncologica, ad oggi "inspiegabilmente ferme" evidenzia Paolucci.

"Il presidente della commissione, Mario Quaglieri, insieme anche ad altri commissari, compreso il tema e lo spirito costruttivo del documento si è preso l'impegno di approfondire la vicenda nella prossima seduta, annunciando di voler ascoltare anche l'assessorato alla Sanità per comprendere le ragioni della sospensione degli atti programmati che stanno causando molteplici problemi all'ospedale Gaetano Bernabeo e a tutti quei cittadini che avevano trovato in questa struttura competenze specialistiche. Negli anni passati - afferma Paolucci - abbiamo lavorato per contrassegnare questo nosocomio in un presidio specializzato di eccellenza per la donna e per farlo diventare un polo attrattore di riferimento sia per i cittadini della nostra regione che per quelli delle regioni confinanti. A questo smantellamento silenzioso dei reparti siamo pronti a dare battaglia".

Potrebbe interessarti

  • Come Angelina Jolie, anche alla Asl di Chieti si può fare il test genetico per i tumori al seno e all'ovaio

  • All'ospedale di Chieti nasce "Spazio mamma", per prevenire e curare la depressione in gravidanza

  • Sushi a Chieti: 6 locali da non perdere

  • Birre artigianali a Chieti: 3 locali per veri intenditori

I più letti della settimana

  • Moto contro furgone lungo la Tiburtina: muore centauro teatino

  • Si è spento a 56 anni Gaetano Bellia: la camera ardente in azienda

  • Dramma a Fara San Martino, massi si staccano e colpiscono gruppo di escursionisti: donna in coma

  • Inseguimento da film sull'Asse attrezzato, la polizia sperona l'auto rubata per bloccare i fuggitivi

  • La rivelazione del direttore artistico di radio Deejay: "Se mi chiamo Linus è merito di un professore di Chieti"

  • Scontro fra auto e moto, ferito seriamente un motociclista

Torna su
ChietiToday è in caricamento