Ortona, finanziamento da 3 milioni di euro per la sicurezza del territorio

Il fondo ministeriale ha stanziato un piano d’intervento per la messa in sicurezza di opere pubbliche e la gestione delle calamità

Un importante finanziamento ministeriali  è stato assegnato al Comune di Ortona per la messa in sicurezza di opere pubbliche relativi agli edifici e al territorio e attraverso i fondi di Protezione civile per la gestione delle calamità. In particolare per il consolidamento del dissesto idrogeologico del territorio sono previsti un finanziamento di 800mila euro per la frana in contrada Santa Lucia e altri 980mila per via Marina nel centro urbano. Il dissesto idrogeologico di Santa Lucia causato da un movimento franoso del gennaio 2017 è stato interessato nei mesi scorsi, di un primo intervento di messa in sicurezza con la realizzazione di palizzate in legno, terrazzamenti, opere di drenaggio, canalizzazione delle acque e piantumazione di alberi, per un importo di 100mila euro.

Altre due richieste di contributi sono state inserite tra quelle ammissibili e quindi finanziabili con il reintegro delle risorse del fondo ministeriale. Le richieste ammesse riguardano 1 milione di euro, per opere di riqualificazione e messa in sicurezza del palazzo comunale dell’anagrafe e 200mila euro per la caserma dei Carabinieri di via Roma.

"Un importante risultato per le opere di consolidamento e messa in sicurezza del nostro territorio – commenta il sindaco Leo Castiglione – che testimonia l’attenzione dell’amministrazione comunale e il suo costante impegno per reperire i fondi, un totale di tre milioni di euro a cui vanno aggiunti altri 31mila euro per un ulteriore finanziamento ministeriale che riguarda un programma di verifiche sulla sicurezza degli edifici scolastici comunali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


L’ufficio tecnico ha partecipato ad un bando del ministero dell’Istruzione e ricerca relativo a “indagine solai scuole” ottenendo il finanziamento su cinque verifiche da realizzare nelle strutture scolastiche comunali e in particolare sui solai. Le indagini, i monitoraggi e i rilevamenti saranno effettuati a garanzia della sicurezza delle scuole e riguarderanno le materne di Giardini, San Giuseppe, Costantinopoli e Caldari e la scuola media di Fonte Grande. Dei 7mila euro previsti per le verifiche da effettuare su ogni singola scuola, il contributo ministeriale è di 6mila e 300 euro.         

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Coronavirus: 116 nuovi casi in Abruzzo, 40 in provincia di Chieti

  • Coronavirus: dimesso dall'ospedale un paziente trattato con il farmaco sperimentale Tocilizumab

  • Coronavirus in Abruzzo, Marsilio: "Un pizzico di speranza dai dati dei nuovi contagi"

  • Coronavirus, in Abruzzo sono morte altre 10 persone

  • Diffondono il panico con il vocale su Whatsapp che accusa il commerciante: denunciati per procurato allarme

Torna su
ChietiToday è in caricamento