Nuovi arrivi al centro d'accoglienza, Fratelli d'Italia interroga il sindaco di Atessa

Il partito atessano chiede al sindaco Borrelli di fare chiarezza sui possibili arrivi nel centro di accoglienza

"No all'accoglienza dei migranti ad Atessa". Fratelli d’Italia ha protocollato ieri mattina in Comune un documento nel quale si chiede al sindaco Giulio Borrelli di fare chiarezza sui possibili nuovi arrivi nel centro di accoglienza. La vicenda riguarda lo smistamento dei migranti che erano ospitati nel centro di accoglienza straordinario di Villa Elce (Lanciano). Le autorità dopo la chiusura hanno fatto intendere che i migranti potrebbero essere ricollocati nel comune di Atessa.

"Fratelli d’Italia - fa sapere il portavoce cittadino, Maurizio Falcone - già la settimana scorsa aveva espresso la sua contrarietà al ricollocamento dei migranti nella città di Atessa. Abbiamo così deciso di interpellare il sindaco su alcune questioni in merito all’arrivo o presunto tale di nuovi migranti nel centro di accoglienza della nostra città. Non abbasseremo l’attenzione perché riteniamo che dopo circa tre anni dall’apertura del centro sia ora di dare delle spiegazioni ai cittadini di Atessa, su quanto è stato fatto o non fatto per la completa e serena integrazione di queste persone".

Potrebbe interessarti

  • Si cerca uomo scomparso questa mattina a Chieti

  • Voglia notturna di cornetto? Ecco le cornetterie aperte a Chieti

  • Ragno violino: cosa fare in caso di attacco

  • Roccamontepiano, la festa di San Rocco: tra culto e tradizione

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, morti i due ragazzi dispersi in zona Foro

  • Oggi l'ultimo saluto ad Alessandro e Federico, i fratellini annegati a Ferragosto

  • È morta Nadia Toffa, amica di Chieti e dell'Abruzzo

  • L'auto si sfrena e rischia di travolgere i visitatori del mercatino, ma una giovane coraggio la blocca

  • Più di 20 mila posti di lavoro in Abruzzo: per un terzo si cercano figure introvabili

  • Ortona, due ragazzi dispersi in mare nella zona del Foro

Torna su
ChietiToday è in caricamento