Ora i ministri di Ambiente e Salute devono fare chiarezza sull'incendio di Valle Cena

Interpellanze della deputata Grippa e del consigliere regionale pentastellato Smargiassi, che invocano risposte su salute ed eventuali interessi criminali

La deputata Grippa del Movimento 5 Stelle

Un'interpellanza in Regione e una ai ministri dell'Ambiente, Sergio Costa, e della Salute, Giulia Grillo. Sono i provvedimenti presi dal Movimento 5 stelle a pochi giorni dal rogo della discarica di località Valle Cena, a Cupello, avvenuto una settimana fa, tramite la deputata Carmela Grippa e il consigliere regionale Pietro Smargiassi. 

Grippa chiede chiarezza su 

osa sta accadendo sul versante dei rifiuti nella nostra Regione. Non bisogna abbassare l’attenzione sul traffico di rifiuti e sui crimini ambientali, lo dobbiamo al nostro territorio e alla salute dei nostri cittadini.

La stessa area era già andata a fuoco un anno fa, ma ora è sotto sequestro da mesi, perché secondo gli investigatori lì, per mesi, sono arrivati i rifiuti di altre regioni. 

Per Grippa: 

diverse indagini hanno ricostruito come invece dietro questi incendi «vi sono solo interessi criminali» in quanto si brucia per coprire altri reati. Elementi questi che ci devono far riflettere dinanzi a tali eventi, sulle dinamiche dell’intero ciclo dei rifiuti, della loro raccolta ma anche del loro recupero nonché sulla  fragilità degli impianti, spesso non dotati di sistemi adeguati di sorveglianza e controllo.

Anche Smargiassi vuole 

Conoscere lo stato d’attuazione delle misure di sicurezza sulla discarica di Cupello.

Già nella scorsa legislatura, il consigliere regionale pentastellato aveva presentato un’interpellanza per avere delucidazioni circa i risultati dell’Arta, relativi alla salubrità dell’aria, dopo i primi due incendi, e per conoscere quali misure di sicurezza e video sorveglianza fossero presenti nella discarica prima.

Tuttavia, non aveva ricevuto alcuna risposta, sollecitando così ora il nuovo esecutivo regionale. Prosegue il consigliere: 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Voglio comprendere in particolare se si sia dato seguito alle prescrizioni impartite per incrementare la sicurezza del sito, visto che a distanza di meno di un anno ci ritroviamo nuovamente a dover affrontare gli effetti di un incendio, la cui natura potrebbe anche non essere dovuta a cause naturali. Vorrei anche sapere quali sostanze si sono propagate nell’aria e se le stesse siano nocive per gli abitanti di quel territorio. Spero al più presto di avere soddisfazione a quelle che sono legittime richieste non solo del scritto ma anche e soprattutto di intere comunità che vivono nei pressi della discarica di Valle Cena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fibromialgia: finalmente l'Abruzzo definisce le linee guida per diagnosi e trattamento

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

  • Il teatro piange Maria Grazia Montante, regina della compagnia I Marrucini

  • Ascanio Celestini, Lino Guanciale e gli Avion Travel: estate di grandi nomi a Guardiagrele

  • “Morti aspettando la cassa integrazione”: necrologi shock di CasaPound davanti alla sede Inps

Torna su
ChietiToday è in caricamento