Progetto di estrazione del gas sul lago di Bomba: interpellanza in Regione

Marcozzi (M5S): “Progetto insostenibile, la Regione venga a riferire delle azioni che sta portando avanti per contrastarlo”

Un’interpellanza a firma Sara Marcozzi è stata depositata in Consiglio Regionale per fare chiarezza sulle azioni che Regione Abruzzo sta mettendo in campo per fermare il progetto di estrazione del gas sul lago di Bomba della CMI Energia S.P.A.

Un progetto definito "disastroso", che ha già visto la bocciatura per due volte da parte del Comitato V.I.A. regionale. Da ultimo, con sentenza da parte del Consiglio di Stato del 17 febbraio 2015, sembrava essere arrivato lo stop definitivo.

“Si tratta di un progetto da sempre osteggiato, a ragion veduta, dalle comunità locali - dichiara Sara Marcozzi - per questo ho deciso di presentare un’interpellanza al Presidente, Luciano D’Alfonso, per chiedere quali azioni concrete stia mettendo in campo la regione contro questo scellerato progetto. L’ostinazione che le imprese petrolifere hanno da sempre dimostrato è disarmante. Questa volta è la Cmi Energia S.p.A a presentare il 20 maggio 2016 istanza per la coltivazione degli idrocarburi sullo stesso sito che è attualmente oggetto di parere da parte del Comitato V.I.A. nazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ritengo inammissibile che, nonostante le evidenti e immutate criticità che dal 1969 interessano quel giacimento, gruppi petroliferi internazionali si ostinino a presentare istanze per lo sfruttamento di quel sito. Per questo - conclude Marcozzi - investirò del problema i miei colleghi in Parlamento per chiedere al Ministero dell’Ambiente di rilasciare parere negativo avverso l’istanza presentata dalla CMI ENERGIA e chiedendo di intervenire, attraverso il Ministero dello Sviluppo Economico affinchè, stante l’accertata e perpetua fragilità del territorio, escluda una volta e per sempre quel sito dall’elenco dei giacimenti sfruttabili. Non è accettabile che ogni 10 anni cittadini, associazioni e dindaci debbano combattere una battaglia già vinta in passato”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si toglie la vita nel giorno del suo compleanno: tragedia al Tricalle

  • Nuovo caso positivo al Covid 19: è un paziente in ospedale a Chieti, domiciliato a San Salvo

  • Bimbo di 3 anni investito mentre attraversa la strada con la mamma: panico a Chieti Scalo

  • È morto l'assessore Antonio Viola

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Lite tra condomini a Chieti finisce a colpi di forbici: denunciati in due

Torna su
ChietiToday è in caricamento