Regionali, appello al centrodestra di Enrico Di Giuseppantonio (Udc): “Basta polemiche sterili”

L'ex presidente della provincia chiede con urgenza una vertice della coalizione per trovare un accordo sui candidati

“Ora basta con le polemiche sterili sui media. E’ tempo di discutere sulle cose concrete altrimenti prenderemo le nostre severe decisioni”. Arriva dal segretario regionale dell’Udc, Enrico Di Giuseppantonio l'appello alla coesione tra le forze politiche in vista delle Regionali del prossimo febbraio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Chiediamo con forza la convocazione urgente di un tavolo per discutere sul programma che proporremo agli abruzzesi. Non possiamo più permetterci di trascorre più tempo a fare polemica sui giornali, che nell’affrontare le questioni, molto serie, che riguardano l’Abruzzo.Noi siamo pronti: abbiamo individuato i nostri candidati, persone autorevoli, capaci e vicine ai territori. Dunque, è necessario incontrarci il prima possibile per definire tutti gli elementi che sono fondamentali per affrontare una dura campagna elettorale che riporti il centrodestra alla guida della Regione”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasto e Chieti piangono la scomparsa del professor Domenico Rossi, morto a 50 anni per un malore

  • Paglieta in lutto per Antonella, mamma di tre bambini scomparsa a 34 anni

  • Estate 2020: in spiaggia con la mascherina, sotto l'ombrellone a 1 metro di distanza. Come si andrà al mare

  • Malore improvviso in casa, muore a 39 anni tecnico informatico

  • Oggi sposi, nonostante il Coronavirus: Jessica e Francesco si sono sposati a Chieti in attesa dei loro gemellini

  • Coronavirus: nessun nuovo caso in provincia di Chieti, ma c'è una persona morta

Torna su
ChietiToday è in caricamento