Il ministro della Salute Grillo a Chieti: "In Abruzzo si può lavorare bene se ci sono persone competenti"

Nella sala della Camera di commercio in piazza Vico il ministro ha illustrato il programma di governo della Regione assieme alla candidata del Movimento 5 Stelle Sara Marcozzi. Tra i punti principali: riduzione delle liste d'attesa, attenzione alle aree interne, nuovo personale

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

"Ridurre le liste d'attesa, garantire la sanità nelle aree interne, assumere nuovo personale e adeguamento sismico degli ospedali. I soldi per riuscire a fare tutto questo ci sono, basta smettere di sprecarli come hanno fatto fino ad oggi i governi di destra e di sinistra. In Abruzzo si può lavorare bene senza grandi difficoltà. Con la gente competente". Parola del ministro della Salute Giulia Grillo che questa mattina a Chieti, nella sala della Camera di commercio in piazza Vico, ha affiancato la candidata presidente del M5S in Regione Sara Marcozzi nella presentazione del programma di governo sulla sanità.

L'obiettivo è far "rinascere la sanità in Abruzzo" cosa che per il Movimento si può fare "iniziando a eliminare i costi dettati dagli sprechi, che sono davvero tanti in Abruzzo". Per quanto riguarda la possibile revisione del piano ospedali per l'Abruzzo, il ministro Grillo ha affermato che ''noi abbiamo l'apertura per ridiscutere su situazioni che sono particolarmente gravi e disagiate. Non vi posso dire i termini di dove, quando, come e perché, però la disponibilità a rivedere alcune questioni c'è. Quindi con una collaborazione fattiva con la Marcozzi. Dopodiché Bisognerà vedere poi concretamente caso per caso''

Tra i punti principali del programma ci sono la riorganizzazione della rete ospedaliera sospendendo l'attuale riqualificazione riclassificando i presidi sani, interventi sull'edilizia sanitaria che prevedono la costruzione di nuovi ospedali laddove ce ne sia veramente bisogno.  "Negli ultimi dieci anni – ricordano -  sono stati depotenziati e/o chiusi dieci ospedali in tutta la regione. Attualmente i presidi ospedalieri risultano obsoleti e inadeguati. Una volta al governo di questa regione, lavoreremo per costruire un piano di edilizia sanitaria pubblica e metteremo in cantiere la costruzione di sei nuovi ospedali. Possiamo contare su 360 milioni di euro già disponibili più altri 500 milioni annui che saranno messi a disposizione dall’Inail attraverso un fondo rotativo". 

Per quanto concerne il personale, Marcozzi  assicura che “verrà avviato un processo tendente a ridurre il ricorso a forme di lavoro che non garantiscono l'equità di trattamento fra gli operatori e che si avvierà una progressiva internalizzazione del personale addetto ai servizi precedentemente esternalizzati”.

Un altro aspetto su cui il M5S punta è la digitalizzazione, attraverso la realizzazione di un Sistema Informativo Sanitario Unico, allo scopo di facilitare l'accesso ai cittadini e razionalizzare i costi. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • E tu saresti competente? Al policlinico di Chieti mancano persino i cuscini. Ma non vi vergognate a presentarvi in pubblico? Almeno non fatevi vedere ingiro, nascondetevi fate paura e schifo. Vergognatevi ipocriti da strapazzo.

  • Pagliacci ladri. Ma se in ospedale non ci sono neanche i cuscini! Vergognatevi state bene solo al circo. Buffoni buf oni

Potrebbe Interessarti

  • Cronaca

    La banda della droga faceva base tra Tollo e Guardiagrele, Borzacchiello: "Operazione complessa durata due anni"

  • Video

    Video I La processione più antica d'Italia nelle immagini dei videomaker Marafante e Petrini

  • Video

    Grandine come neve a Rapino [VIDEO]

  • Cultura

    Video | Tradizioni che rivivono: a Chieti torna lo storico "Palio de lu ricchiapp"

Torna su
ChietiToday è in caricamento