Maggioranza in crisi, Di Primio: "Forza Italia tiene sotto scacco la città"

Dopo il rifiuto forzista del rimpasto delle deleghe, il sindaco di Chieti attacca i cinque consiglieri "ribelli"

Dopo il rifiuto del rimpasto delle deleghe da parte dei consiglieri di Forza Italia con la conseguente minaccia di non presentarsi al prossimo appuntamento in aula consiliare, la risposta di Di Primio non tarda ad arrivare: il sindaco di Chieti, che ieri sera è partito per le vacanze con la famiglia, ma sarà costretto a tornare per il consiglio, è infuriato.

Spiega che le deleghe degli assessori di Forza Italia non sono mai state messe in discussione ma anzi era stata Forza Italia a proporre di ridimensionare le deleghe dell'assessore  De Matteo. “Loro hanno sempre parlato della delega al Commercio dell’assessore Di Biase - tuona - perché ora che sono stati accontentati non hanno accettato? Stanno tenendo sotto scacco la città”. Infine Di Primio rivolgendosi ai cinque consiglieri forzisti: "Se hanno il coraggio venissero in aula a votare contro il bilancio anziché non presentarsi".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nel cuore della movida dello Scalo: automobile travolge una moto

  • La migliore colazione è a Chieti, premiata l'eccellenza di Manuela Bascelli

  • Al Comune di Ortona concorso pubblico per sette posti a tempo indeterminato

  • Allarme invasione cimici: i rimedi per eliminarle da casa

  • Va a prendere il figlio a scuola e viene investito in pieno centro

  • Casoli, il mezzo agricolo gli trancia la gamba: agricoltore muore dissanguato

Torna su
ChietiToday è in caricamento