Maggioranza in crisi, Di Primio: "Forza Italia tiene sotto scacco la città"

Dopo il rifiuto forzista del rimpasto delle deleghe, il sindaco di Chieti attacca i cinque consiglieri "ribelli"

Dopo il rifiuto del rimpasto delle deleghe da parte dei consiglieri di Forza Italia con la conseguente minaccia di non presentarsi al prossimo appuntamento in aula consiliare, la risposta di Di Primio non tarda ad arrivare: il sindaco di Chieti, che ieri sera è partito per le vacanze con la famiglia, ma sarà costretto a tornare per il consiglio, è infuriato.

Spiega che le deleghe degli assessori di Forza Italia non sono mai state messe in discussione ma anzi era stata Forza Italia a proporre di ridimensionare le deleghe dell'assessore  De Matteo. “Loro hanno sempre parlato della delega al Commercio dell’assessore Di Biase - tuona - perché ora che sono stati accontentati non hanno accettato? Stanno tenendo sotto scacco la città”. Infine Di Primio rivolgendosi ai cinque consiglieri forzisti: "Se hanno il coraggio venissero in aula a votare contro il bilancio anziché non presentarsi".

Potrebbe interessarti

  • Si cerca uomo scomparso questa mattina a Chieti

  • Voglia notturna di cornetto? Ecco le cornetterie aperte a Chieti

  • Ragno violino: cosa fare in caso di attacco

  • Roccamontepiano, la festa di San Rocco: tra culto e tradizione

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, morti i due ragazzi dispersi in zona Foro

  • Oggi l'ultimo saluto ad Alessandro e Federico, i fratellini annegati a Ferragosto

  • Più di 20 mila posti di lavoro in Abruzzo: per un terzo si cercano figure introvabili

  • L'auto si sfrena e rischia di travolgere i visitatori del mercatino, ma una giovane coraggio la blocca

  • Ortona, due ragazzi dispersi in mare nella zona del Foro

  • Incidente di un'acrobata durante il Macondo festival, pubblico con il fiato sospeso

Torna su
ChietiToday è in caricamento