Crisi Comune, Forza Italia sul rimpasto deleghe: "È solo una presa in giro"

Rifiutata dai forzisti la prosposta di scambio deleghe tra Carla Di Biase e Antonio Viola

Si attendeva una svolta definitiva al comune di Chieti ieri sera ma la crisi politica resta. “Il rimpasto delle deleghe è una presa in giro - commentano da Forza Italia – se queste sono le condizioni noi in consiglio comunale non ci presentiamo”.  Al termine di una giornata di incontri e trattative In vista del consiglio decisivo sul bilancio del 12 e 13 agosto, Di Primio continua a non avere i numeri per andare avanti.

La proposta avanzata per trovare l'intesa è un uno scambio di deleghe tra l'assessore al commercio Di Biase (Fratelli d'Italia) e quello alla cultura Antonio Viola (Udc).

Nel primo pomeriggio, però,  arriva la contro proposta dei ribelli forzisti: la Di Biase deve scambiare le deleghe con Giuseppe Giampietro e non Viola. “Anche perché  - spiegano i forzisti - in questo scambio di deleghe risulta indebolita l’assessore De Matteo (Forza Italia ndr) che perde la delega alle Società partecipate”.

Richieste rifiutate da sindaco e Giunta. Il commissariamento è sempre più vicino.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nel cuore della movida dello Scalo: automobile travolge una moto

  • La migliore colazione è a Chieti, premiata l'eccellenza di Manuela Bascelli

  • Al Comune di Ortona concorso pubblico per sette posti a tempo indeterminato

  • Allarme invasione cimici: i rimedi per eliminarle da casa

  • Va a prendere il figlio a scuola e viene investito in pieno centro

  • Casoli, il mezzo agricolo gli trancia la gamba: agricoltore muore dissanguato

Torna su
ChietiToday è in caricamento